Causa a Netflix per oltre 700 mila dollari dopo la cessazione del servizio

Gli utenti russi hanno intentato un’azione collettiva contro la piattaforma di streaming statunitense Netflix davanti al tribunale distrettuale Khamovniki di Mosca, chiedendo un risarcimento di 60 milioni di rubli (circa 753.500 dollari) per la sua uscita dal mercato locale. Lo ha confermato mercoledì a RIA Novosti lo studio legale Chernyshov, Lukoyanov & Partners.

Il gruppo dei contendenti è composto da 20 persone, la quantità necessaria per iscrivere una causa di questo tipo. Attualmente, lo studio legale che si occupa del caso sta elaborando altre 100 domande.

Il rifiuto unilaterale di Netflix di fornire servizi agli utenti russi costituisce una violazione del suo contratto.

Queste azioni contraddicono il codice civile della Federazione Russa e la legge sulla protezione dei diritti dei consumatori e violano i diritti degli utenti”, ha spiegato dall’ufficio.

I legali hanno aggiunto che il servizio di spettacolo ha stipulato contratti pubblici con i propri utenti, senza prevedere la rinuncia unilaterale agli impegni contrattuali.

La somma di 60 milioni di rubli comprende il risarcimento del danno morale e una multa del 50% dell’importo assegnato dal tribunale (se trova a favore degli attori). Se si rifiutano di ottemperare alla decisione del tribunale, anche il servizio di streaming dovrà pagare una multa per ogni giorno di ritardo.

Netflix ha cessato la fornitura dei suoi servizi in Russia all’inizio di marzo dopo l’inizio dell’operazione militare russa in Ucraina. Poco prima, la piattaforma aveva sospeso tutti i suoi progetti in corso nel paese e si era rifiutata di trasmettere 20 canali televisivi russi, nonostante i requisiti della legislazione locale.