Calcio: La Serie A si ferma per il Coronavirus.

Era inevitabile, visto il crecente numero di infezioni da coronavirus in Italia. La Serie A di calcio, ma anche tutte altre discipline sportive in Italia, si fermano. Sono le volontà del presidente del Consiglio Giuseppe Conte, il quale, in conferenza stampa, prima della pubblicazione del Decreto Legge ad hoc per la situazione, che verrà emesso nelle prossime ore dopo la pubblicazione sulla Gazzetta ufficiale, ha ufficializzato che da oggi martedì 10 marzo e fino al 3 aprile, sono da considerarsi sospese tutte le manifestazioni sportive.

“Non c’è ragione per cui proseguano le manifestazioni sportive.

Queste misure sono nel decreto che sto per firmare. Andranno in Gazzetta Ufficiale questa sera (lunedì, ndr) e entreranno in vigore martedì mattina. Ho già informato il presidente della Repubblica, non possiamo neppure consentire che proseguano le gare del campionato di calcio. Dispiace dirlo, ma i tifosi devono prenderne atto”.

Si fermano i campionati ma vanno avanti Champions e Europa League.

Non ci saranno più partite di calcio di Serie A, come neppure gli incontri di tutti gli altri sport. Tutto bloccato in Italia fino a venerdì 3 aprile 2020. Continuano però le competizioni europee di calcio, Champions League ed Europa League, ma anche Eurolega, Eurocup, Champions League per il basket ecc. Per le competizioni europee, infatti, non è responsabile il Governo italiano. Si dovrà aspettare la decisione della UEFA (o delle altre organizzazioni per gli altri sport) se fermare le competizioni o applicare delle limitazioni, come ad esempio le partite a porte chiuse.