TREDICESIME PUBBLICA AMMINISTRAZIONE – I dipendenti pubblici e i pensionati tremano di fronte all’idea che quest’anno, a causa della crisi finanziaria che sta colpendo l’Italia e alcuni paesi europei, non venga loro retribuita la tredicesima, attraverso la quale, in molti, riescono a pagarsi le spese vive tipo assicurazione dell’auto, bollette di acqua luce e gas, affitto e mutuo, e tirare quindi una momentanea boccata d’ossigeno.

L’ipotesi del blocco delle tredicesime nella pubblica amministrazione, lanciata da una associazione di categoria, è stata ufficialmente smentita da fonti di Palazzo Chigi diffuse attraverso i principali media

d’informazione nazionale: “mai stata presa in considerazione l’ipotesi di un possibile blocco delle tredicesime dei dipendenti pubblici e dei pensionati“.

Le stesse fonti di Palazzo Chigi affermano che diffondere un allarmismo sociale di questa grandezza non fa altro che causare un doppio danno, “in quanto si rischierebbe un possibile blocco dei consumi” e una perdita “della tenuta dell’economia”.