Con il Bitcoin e le criptovalute si rischia di perdere tutto, dice la CE

Il Bitcoin nelle ultime settimane ha rotto tutti i record, come quello della rincorsa a comprarlo. Per questo motivo la Commissione Europea ha posto la sua massima attenzione sul fenomeno Bitcoin e su quello delle criptovalute. È lo stesso il vicepresidente della Commissione Valdis Dombrovskis a confermarlo.

In conferenza stampa a Bruxelles Dombrovskis afferma:

“Nelle ultime settimane i Bitcoin hanno attratto ancora di più la nostra attenzione. Ci sono chiari rischi per investitori e consumatori, associati alla volatilità dei prezzi, inclusi il rischio della completa perdita dell’investimento, problemi operativi e di sicurezza, manipolazione del mercato e carenze di vario tipo”.

Dombrovskis continua ricordando il rischio più grande:

“Devo ricordare che il valore dei Bitcoin non è garantito da alcun tipo di emittente o di Paese ed è determinato dal semplice incrocio della domanda e dell’offerta. Gli investitori devono sapere che il prezzo di questo tipo di asset può cadere in qualsiasi momento. Vale la pena ricordare che c’è una sola valuta nell’Eurozona, l’euro. Criptovalute come il Bitcoin non sono vere valute, come il loro nome potrebbe invece suggerire.

Dombrovskis ha concluso evidenziando che:

“Oggi abbiamo scritto alle autorità di vigilanza europee, per chiedere loro di considerare come questione urgente di aggiornare i loro precedenti avvisi e dichiarazioni alla luce dei recenti sviluppi sul mercato. Bisogna dire che ci sono stati già avvertimenti dell’Eba, nel 2013, sulle valute elettroniche e più recentemente, in novembre, l’Esma ha diffuso una dichiarazione per informare gli investitori dei rischi connessi ad alcune offerte iniziali di valuta”.