Batman esisteva nella Mitologia Mesoamericana, si chiamava Camazotz.

Il prossimo film di Batman è sulla bocca di tutti. Oggi ti invitiamo a guardare indietro ad una delle figure di pipistrelli che appaiono come un potere imponente nella mitologia mesoamericana: il suo nome è Camazotz.

Camazotz (che significa “pipistrello della morte” nella lingua Maya Kʼiche del Guatemala) ha avuto origine nella mitologia mesoamericana come una pericolosa creatura pipistrello che vive in una grotta. Il culto della creatura iniziò tra gli indiani zapoteca di Oaxaca, in Messico, e la figura fu successivamente adottata nel pantheon della tribù Maya Quiche, e le leggende del dio pipistrello furono registrate nella letteratura Maya.

I pipistrelli sono considerati creature minacciose in molte culture. Sono notturni e quindi associati alla notte, che è spesso associata alla morte. Molte specie comuni sembrano anche relativamente strane, rendendole ancora più spiacevoli per l’uomo. Non aiuta che esiste una specie che succhia davvero il sangue (il pipistrello vampiro, Desmodus Rotundus).

Nella cultura Maya, il dio pipistrello Camazotz è legato alla morte. Camazotz è anche il nome di una mostruosa creatura che abitava una grotta chiamata “la casa dei pipistrelli” nel Popol Vuh. La maggior parte degli studiosi ritiene che Camazotz sia stato ispirato dal comune pipistrello vampiro, ma altri hanno suggerito che fosse basato su un vampiro gigante che (probabilmente) si estinse durante il periodo del Pleistocene o dell’Olocene.

Nella cultura Maya, il dio pipistrello Camazotz è legato alla morte.

Un pipistrello mostruoso

Nel Popol Vuh, un antico testo mitologico Maya, Zotzilaha era il nome di una grotta abitata da Camazotz, un mostro con un corpo quasi umanoide, la testa di un pipistrello e un naso che somigliava a un coltello di selce. Si diceva che il mostro attaccasse le vittime per il collo e le decapitasse. Nel Popol Vuh, questa creatura viene registrata per decapitare l’eroe Maya Hunahpu. Camazotz è anche uno dei quattro demoni animali responsabili dell’eliminazione dell’umanità durante l’età del primo sole.

Demoni e mostri come i pipistrelli sono comuni in Sud e Centro America. Un altro esempio di tale storia è il Chonchon in Perù e Cile, che si ritiene sia stato creato quando uno stregone, noto come kaku, compie un rito magico che fa germogliare la testa mozzata da orecchie giganti e artigli dopo la morte. Le orecchie giganti diventano ali.

Questa ubiquità di leggende, mostri, pipistrelli giganti porta molti archeologi a proporre che i mostri abbiano una base negli incontri con un vero animale, come il pipistrello vampiro. Il vampiro è favorito dalla sua associazione storica con spargimenti di sangue e sacrificio. Tuttavia, è possibile che le leggende possano essere derivate da un pipistrello gigante che era presente durante il Pleistocene o all’inizio dell’Olocene, uno che potrebbe ancora esistere oggi.

Pipistrelli vampiri giganti

Nel 1988, un fossile di vampiro fu scoperto nella provincia di Mongas in Venezuela. Era il 25% più grande del vampiro moderno: a questo esemplare venne dato il nome di Desmodus Draculae. È più popolarmente conosciuto come il pipistrello vampiro gigante.

Siti contenenti esempi di questo pipistrello sono stati trovati nello Yucatan, in Belize, nel nord del Brasile e in Venezuela. Nel 2000, un dente del pipistrello Desmodus Draculae è stato trovato in Argentina, molto più a sud della gamma moderna del genere Desmodus. È difficile stabilire una data esatta in cui si estinse. Tutti i siti sono stati finora datati tra il tardo Pleistocene e il tardo Olocene.

L’ultima età trovata per un sito di Desmodus Draculae è intorno al 1650 dC. L’ultima età in America centrale è difficile da determinare, ma è probabilmente il tardo pleistocene o l’olocene. Queste date rendono molto possibile che Desmodus Draculae abbia convissuto con gli umani nell’America meridionale e centrale e che gli umani potrebbero essere stati in contatto con il pipistrello vampiro, sebbene verso il tardo Olocene sarebbero stati molto rari.

Avvistamenti del pipistrello vampiro Desmodus Draculae

Oltre a queste prove, ci sono stati avvistamenti misteriosi di pipistrelli giganti o creature simili a pipistrelli. Uno dei primi avvistamenti risale al 1947, quando J Harrison affermò di aver visto diverse grandi creature volanti che sono state descritte come pipistrelli giganti (sebbene alcune persone affermassero anche

che vivevano pterosauri).

All’inizio degli anni ’50, una coppia brasiliana affermò di aver incontrato una creatura simile a un pipistrello nella stessa valle in cui i fossili di Desmodus Draculae furono scoperti in Brasile. Un altro incidente si è verificato nel 1975 quando uno scoppio di mutilazioni di animali ha colpito Puerto Rico. Un contadino disse di essere stato ripetutamente attaccato da due creature grigie simili a uccelli. Queste creature sono state viste anche da altri durante l’epidemia di mutilazione. Un altro avvistamento avvenne a metà degli anni ’70 in Texas, quando un contadino affermò di aver incontrato creature calve o pterosauri con becchi corti e facce di gorilla. Sono state trovate anche tre tracce di questa creatura.

Dracula ha ispirato la storia di Camazotz?

Il pipistrello vampiro comune, Desmodus rotundus (Vampiro vero di Azara), ha un’apertura alare di 20,32 cm. Poiché Desmodus Draculae era più grande del 25%, avrebbe richiesto più sangue e probabilmente avrebbe attaccato animali più grandi, e forse anche umani. Indubbiamente, un attacco di una rara razza gigante porterebbe a leggende di mostri soprannaturali.

Nonostante le prove fossili allettanti e le storie bizzarre sugli incontri con pipistrelli giganti, al momento non vi sono prove indiscutibili che Desmodus Draculae fosse abbastanza comune da poter essere trovato dagli antichi abitanti del Sud e del Centro America. O che il pipistrello vampiro gigante è ancora vivo oggi e potrebbe essere la creatura segnalata in avvistamenti di pipistrelli giganti.

Tuttavia, il fatto che le prove fossili suggeriscano che Desmodus Draculae potrebbe aver convissuto con gli umani per migliaia di anni nelle Americhe, le onnipresenti leggende di mostri simili a pipistrelli in tutto il Sud e l’America centrale ne fanno una connessione plausibile.

Catturato nelle Filippine un pipistrello gigante di quasi 2 metri

un paio di anni fa è stato catturato un mostruoso pipistrello nelle Filippine, noto come la “volpe volante di corona dorata gigante“. È così grande che con le ali spiegate raggiunge 1,80 metri. In effetti, puoi avvolgerli intorno al loro corpo come un mantello … come nei film sui vampiri.

Questo tipo di pipistrello può volare per tutta la notte e percorrere distanze fino a 40 chilometri in cerca di cibo. Vive solo nelle grotte e nella foresta pluviale della regione Sarangani nelle Filippine.

Tra le sue peculiarità, il naso spicca – come quello di un cane – e hanno orecchie a punta, non arrotondate come la maggior parte dei pipistrelli. Per queste caratteristiche è che, esattamente, lo chiamano “pipistrello volpe“. Questo pipistrello, che è molto importante per l’ecosistema forestale perché i suoi escrementi sono fertilizzanti, è in grave pericolo di estinzione.