Ieri sera alle 21:10 e’ andato in onda AnnoUno. Il spin-off di Servizio pubblico. Creato, ideato e diretto da Michele Santoro e condotto da Giulia Innocenzi, anche ieri sera e’ stato il piu’ twittato tra i programmi televisivi. Ospite della serata Maurizio Landini, segretario generale della FIOM-CGIL.

Non potevano mancare gli strilli. Quando si deve argomentare uno slogan e non si hanno basi per poterlo fare, si strilla. Una puntata apparsa un po’ “stanca” di contenuti.

Molti i luoghi comuni. Si continua a dire che la colpa del precariato è del sindacato. Ma le leggi le fa il parlamento e non il sindacato. Il linguaggio usato non offre nulla di nuovo, stesso linguaggio e stessi argomenti dei veterani dei talk show. Il risultato profuma di vecchio.

Andato in onda anche in streaming su sito www.serviziopubblico.it al quale si collegano i siti de Il Fatto Quotidiano e di La7, AnnoUno ha concluso con un fuori programma che per tutti e’ apparso solo un’azione per alzare l’audience. Quando sono entrate le femen sembrava di stare a “Colpo Grosso” (senza voler offendere assolutamente l’ottimo programma di Umberto Smaila). Senza parlare del fatto che hanno offeso pure il Papa in diretta. Voto finale: AnnoUno rimandato alla prossima.