Una misteriosa epidemia renale sta devastando la costa del Pacifico dell’America Centrale. Sono gia’ oltre 24 mila le persone morte in El Salvador e Nicaragua dal 2000 colpendo le altre persone in proporzioni mai viste prima.

Alcuni scienziati affermano che il fenomeno si e’ propagato dal sud del Messico fino a Panama. Molte delle vittime erano operai o braccianti nelle piantagioni di zucchero che coprono gran parte della zona costiera. In Nicaragua il numero di morti per insufficienza renale cronica è aumentato da 466 nel 2000 a 1047 nel 2010, secondo l’Organizzazione Sanità Pan americano. El Salvador ha fatto registrare un incremento analogo: da 1282 casi nel 2000 a 2181 nel 2010. Pazienti, medici e molti attivisti, dicono che la causa del malattia sono le sostanze chimiche (come erbicidi e pesticidi) che i lavoratori usano e hanno usato per anni senza alcuna protezione comune invece nei paesi sviluppati.