10mila cammelli selvatici sacrificati in Australia per la siccità.

I leader aborigeni del Sud Australia, colpiti dalla siccità, hanno per la prima volta ordinato un’enorme eliminazione dei cammelli selvaggi e hanno dato il via libera ai tiratori professionisti per uccidere fino a 10 mila di quegli animali a partire da mercoledì. I cammelli, disperati per la sete, provocano il caos nelle comunità locali a cui stanno cercando acqua, la carta bianca per il loro sterminio è stata concessa nelle terre di Anangu Pitjantjatjara Yankunytjatjara, situata nel nord-ovest dello stato meridionale dell’Australia.

L’ufficiale locale Marita Baker, della comunità Kanypi, ha detto al quotidiano The Australian che i cammelli rompono le recinzioni, si avvicinano alle case, cercano di attingere acqua anche dai condizionatori d’aria e, a causa di ciò, i residenti sono intrappolati condizioni puzzolenti di calore e disagio. Nelle comunità di Anangu Pitjantjatjara Yankunytjatjara ci sono migliaia di cammelli che seminano il caos, causando “danni significativi alle infrastrutture” e mettendo in pericolo le famiglie e la popolazione locale, ha spiegato al portale news.com.au un portavoce del dipartimento Ambiente. e acqua dell’Australia Meridionale. In alcuni casi, gli animali morti contaminano importanti fonti d’acqua e siti culturali, ha aggiunto.