L’EVOLUZIONE CONTINUA – Il DNA sintetico il cui nome è XNA, con le sue 6 nuove molecole, può memorizzare e trasmettere le informazioni genetiche. Grande passo della genetica di sintesi, che fa pensare alla creazione di forme di vita alternative. Gli sviluppi potenziali per il futuro della biologia e della genetica di sintesi e della biotecnologia rasentano la fantascienza, toccano questioni di etica, mettono in discussione il senso della creazione e l’evoluzione.

In un articolo parallelo a quello sullo studio stesso dell’XNA, sempre sulla rivista Science, Gerald Joyce dello Scripps Research Institute, azzarda: “Il lavoro annuncia la nuova era della genetica di sintesi, con implicazioni per l’esobiologia (la vita altrove, nell’universo), la biotecnologia, e la comprensione della vita stessa“. Più di uno scenziato è del parere che la creazione del DNA di sintesi possa essere alla base della costruzione di sistemi basati su piattaforme genetiche e chimiche alternative che possono portare alla sintesi di nuove forme di vita.

Vero è che lo XNA ha il potenziale di memorizzare e trasmettere le informazioni genetiche e questo potrebbe aiutare gli scienziati, ad esempio, a progettare farmaci migliori.

L’XNA è comunque la dimostrazione che sia l’ereditarietà (memorizzazione e propagazione delle informazioni) che l’evoluzione, i due tratti distintivi della vita, possono essere riprodotti e realizzati in polimeri alternativi diversi da DNA e RNA ed estranei alla natura umana, da qui il nome XNA, che significa Acido

Xeno-Nucleico, a sottolineare la sua origine estranea.

Gli studi sul tema dei nuovi materiali genetici creati dall’uomo sono più di uno, a parte quello che ha portato alla realizzazione dell’XNA, curato dai ricercatori del Medical Research Council, in Inghilterra, ricerche analoghe si stanno portando avanti in Giappone e Stati Uniti. I tre studi paralleli sul tema della biologia alternativa , sono stati presentati al convegno di primavera dal titolo Chemistry of Life (la chimica della vita),  della American Chemical Society.