Vulcano Etna: attività associata al movimento dei poli terrestri.

L’attività sismica e vulcanica dell’Etna è correlata al movimento periodico dei poli terrestri, che porta a piccole deformazioni della superficie terrestre. Questa conclusione è stata fatta da scienziati provenienti da Italia e Francia, i quali hanno analizzato i dati sull’attività dell’Etna negli ultimi decenni. L’articolo è stato pubblicato su Geophysical Research Letters.

La terra si deforma periodicamente in una scala temporale ridotta a causa di vari fenomeni. La più grande influenza è esercitata dalle forze di marea che derivano dall’influenza della Luna e del Sole sulla Terra. Questa interazione provoca una deformazione superficiale di circa 30 centimetri al giorno.

Inoltre, i cambiamenti periodici nella durata della giornata portano anche alla deformazione della superficie di circa un millimetro. Infine, un altro fattore di deformazione significativo è il movimento dei poli della Terra. L’asse di rotazione della Terra cambia periodicamente, essenzialmente a spirale. Questo movimento ha un periodo di circa un anno, con un periodo di 6,4 anni, in cui l’ampiezza del movimento raggiunge un massimo.

La deformazione della terra dovuta al movimento dei poli influenza i processi sismici.

La deformazione della superficie terrestre dovuta al movimento dei suoi poli, dipende dalla latitudine e raggiunge un massimo di circa un centimetro nel parallelo 45. Ciò può sembrare insignificante influenzare i processi su larga scala, ma gli studi dimostrano che la deformazione della terra dovuta al movimento dei poli influenza i processi sismici.

L’ultima notizia: i movimenti dei poli terrestri influenzano i processi vulcanici come l’Etna.

Sebastien Lambert dell’Università di Parigi e Gianluca Sottili dell’Università di Sapienza a Roma hanno deciso di verificare se i movimenti dei poli terrestri influenzano i processi vulcanici. Come oggetto di studio, hanno scelto il vulcano Etna, per il quale esiste una grande quantità di dati. Inoltre, è conveniente perché si trova nel parallelo 37, in cui la deformazione dovuta al movimento dei poli è vicina al massimo.

Come dati, gli scienziati hanno preso le misure della posizione dell’asse di rotazione terrestre, i dati sui terremoti a una distanza di 43 chilometri dal picco dell’Etna, nonché i dati sulle eruzioni vulcaniche.

In totale, i dati coprono 227 mesi (quasi 19 anni). Il confronto tra i grafici dell’energia sismica e il raggio del movimento polare ha mostrato che entrambe le quantità cambiano in modo simile e che i loro valori massimi scendono nel 2002 e nel 2009. Nel 2015 il picco non è così pronunciato, poiché l’ampiezza del movimento polare negli ultimi anni è andata diminuendo.

L'energia degli eventi sismici nella regione dell'Etna e il raggio di movimento dei poli terrestri. Sebastien Lambert, Gianluca Sottili / Geophysical Research Letters, 2019.
L’energia degli eventi sismici nella regione dell’Etna e il raggio di movimento dei poli terrestri. Foto Sebastien Lambert, Gianluca Sottili / Geophysical Research Letters, 2019.

Inoltre, i dati hanno mostrato che le aree non più di 30 e non più di 20 chilometri dal cratere del vulcano sono le più colpite dal movimento dei poli. I dati hanno anche mostrato una correlazione tra il movimento dei poli e le eruzioni.

Anche i poli magnetici della Terra sono soggetti a movimento, e questo movimento è più significativo e nel corso della storia hanno persino cambiato posto. Ad esempio, ultimamente si è verificato un rapido cambiamento, ma i geologi non possono spiegare con certezza il perché…