Videochiamate Telegram, l'alternativa a Zoom e WhatsApp.

In tempi di pandemia di coronavirus, quando la quarantena e l’allontanamento sociale interrompono la comunicazione regolare tra le persone, le applicazioni come Zoom e WhatsApp che consentono la videoconferenza stanno guadagnando terreno.

La piattaforma di messaggistica istantanea Telegram non voleva rimanere indietro e ha annunciato venerdì che prevede di introdurre uno strumento di videochiamata di gruppo a partire da quest’anno. La società ha sottolineato che la priorità della funzione si concentrerà sulla sicurezza dei suoi utenti.

“Le videochiamate nel 2020 sono molto simili alla messaggistica nel 2013. Esistono applicazioni sicure o utilizzabili, ma non entrambe allo stesso tempo.

Vorremmo risolverlo e ci concentreremo sulla fornitura di videochiamate di gruppo sicure nel 2020”, ha pubblicato Telegram nel suo blog senza specificare la data esatta dell’esordio online.

L’azienda ha colto l’occasione per comunicare che la piattaforma ha già raggiunto 400 milioni di utenti mensili, rispetto ai 300 milioni di un anno fa.

Telegram a gonfie vele.

“Ogni giorno, almeno 1,5 milioni di nuovi utenti si iscrivono a Telegram. Funzionalità come cartelle, archiviazione cloud e supporto desktop rendono Telegram ideale per il lavoro e lo studio in remoto durante la quarantena. Non è sorprendente che Telegram sia l’applicazione per social media più scaricata in oltre 20 paesi: persone da tutto il mondo si stanno spostando su Telegram a un ritmo accelerato”, ha affermato la pubblicazione.