La società americana Virgin Hyperloop è diventata la prima azienda domenica a completare un test con i passeggeri della tecnologia di trasporto ultraveloce hyperloop, dopo che due dei suoi dipendenti hanno testato con successo il suo treno futuristico sulla pista di prova DevLoop nel deserto del Nevada, nella periferia di Las Vegas.

L’azienda afferma di aver già condotto più di 400 test lì, anche se mai prima con gli esseri umani. Le prime persone a fare un viaggio a bordo della capsula di prova Hyperloop sono state il CTO e co-fondatore dell’azienda, Josh Giegel, e il direttore di Passenger Experience, Sara Luchian.

L’ambizioso progetto di “trasporto del futuro” consiste in diverse capsule che si muovono sospese all’interno di un tubo a vuoto mediante levitazione magnetica, sviluppando velocità fino a 387 chilometri all’ora.

L’idea dell’Hyperloop è stata introdotta per la prima volta nel 2012 da Elon Musk, CEO di Tesla e SpaceX, che ha offerto il piano a chiunque volesse sfruttarlo. Al momento, né lo stesso Musk né le sue aziende stanno lavorando alla tecnologia.

Virgin Hyperloop è una delle numerose società che cercano di commercializzarlo e spera che possa essere utilizzato per spostare i passeggeri tra le città a breve termine. Se la compagnia riesce a realizzare i suoi piani, i 615 chilometri che separano Los Angeles da San Francisco e che un aereo impiega un’ora e mezza per coprire, possono essere percorsi in soli 43 minuti.

“Questo è un passo di importanza storica”, ha detto il CEO di Virgin Hyperloop Jay Walder in un’intervista al New York Times. “Non ho dubbi che questo cambierà il mondo“, ha aggiunto.