Struttura monumentale di pozzi neolitici disposti in un cerchio trovati vicino a Stonehenge.

Un team di archeologi britannici ha scoperto una serie di vasti pozzi disposti in un cerchio di 2 chilometri di diametro attorno alle mura di Durrington, uno dei più grandi insediamenti neolitici del Regno Unito.

La datazione al radiocarbonio suggerisce che i fori – 5 metri di profondità e 10 metri di diametro – furono scavati circa 4500 anni fa, cioè nello stesso periodo in cui fu eretto il monumento di Stonehenge, situato a 3 chilometri a sud-ovest. Tuttavia, i buchi sono stati coperti con il passare del tempo, scartati da altri ricercatori, che li hanno presi come “lavandini” di origine naturale.

Gli autori del nuovo lavoro, i cui risultati sono stati pubblicati il ​​21 giugno sulla rivista Internet Archaeology, sottolineano che si tratta della più grande struttura preistorica mai trovata nel paese dell’isola.

I ricercatori ritengono che la disposizione dei pozzi indichi che sarebbero stati creati per guidare un’area sacra, poiché le pareti di Durrington sono esattamente al centro del cerchio.

Secondo Vincent Gaffney, professore alla Bradford University e uno dei leader del progetto archeologico, la struttura circolare fu costruita dalle comunità neolitiche “per registrare i loro sistemi di credenze cosmologiche in un modo e su una scala che non avevamo mai previsto prima”.

“Non posso sottolineare abbastanza lo sforzo fatto per scavare fosse così estese con strumenti in pietra, legno e ossa”, afferma Gaffney.

Un sistema di conteggio preistorico

Allo stesso modo, la scoperta costituisce la prima prova che gli antichi abitanti della regione – che erano principalmente impegnati in agricoltura – avevano sviluppato un sistema di conteggio, poiché per allineare con precisione oggetti di tali dimensioni dovevano contare centinaia di passi dal centro verso il perimetro.

mura di Durrington

È dettagliato che finora sono stati scoperti circa 20 pozzi con l’aiuto della prospezione geofisica, del georadar e della magnetometria. In totale potrebbero esserci più di 30 buche, sebbene circa il 40% del cerchio non esista più a causa dell’urbanizzazione.

“Questa è una scoperta senza precedenti di grande significato nel Regno Unito”, sottolinea Gaffney. “I principali ricercatori di Stonehenge e del suo paesaggio – aggiunge – sono stati sconcertati dalle dimensioni della struttura e dal fatto che non è stato scoperto finora, così vicino a Stonehenge”.