Sterco di vacca e Bitcoin, contadino diventa milionario

Un uomo d’affari britannico ha trovato un metodo per generare ricchezza alimentando le criptovalute utilizzando letame bovino come fonte di energia.

Josh Riddett, 30 anni, converte gli escrementi di mucca in energia nella sua fattoria attraverso un processo chiamato digestione anaerobica, in cui i microbi scompongono il letame in condizioni senz’aria, creando metano, la cui combustione alimenta i generatori elettrici.

La sua azienda, Easy Crypto Hunter, vende attrezzature per il mining di criptovalute, il complesso processo di calcolo necessario per mantenere sistemi di criptovaluta decentralizzati in cambio di una remunerazione su queste risorse.

Il mining di criptovalute, in particolare bitcoin, è stata criticata per il consumo di molta elettricità e, di conseguenza, per la generazione di una grande impronta di carbonio. L’utilizzo delle energie rinnovabili è una soluzione che può aiutare a contrastare questo problema.

Come fare soldi con lo sterco di mucca

Gli agricoltori che generano energia da letame possono venderla alla rete nazionale del Regno Unito per un valore compreso tra 4 e 7 pence (dai 6 ai 10 centesimi circa) per kilowattora, ma è più redditizio, a volte fino a 10 volte di più, utilizzarla per alimentare la criptovaluta. attrezzature di mining vendute dalla società di Riddett.

Secondo l’imprenditore, con questo sistema ogni computer può generare circa 35 mila euro all’anno. Riddet al Telegraph:

È un business redditizio, abbiamo realizzato buoni profitti ed è divertente e curioso. È più facile far funzionare un computer che un gregge o un gregge di pecore e non devi svegliarti alle cinque del mattino”.

Ho guadagnato 5 milioni di sterline (quasi 6 milioni di Euro) alimentando criptovalute con sterco di vacca“, ha detto l’uomo d’affari.