Il Kraken è forse il più grande mostro mai immaginato dall’umanità. Nel folklore nordico, si diceva che abitasse i mari dalla Norvegia, dall’Islanda alla Groenlandia. Il Kraken aveva un talento per attaccare le navi e molti rapporti, inclusi quelli ufficiali della marina, affermavano che poteva anche con navi pesantemente armate. Ma se l’attacco falliva, la bestia iniziava a nuotare in cerchio attorno alla nave, creando un feroce vortice per trascinare la nave verso il fondo dell’oceano.

Naturalmente, vale la pena dire che un mostro del genere aveva bisogno di assaggiare la carne umana. Le leggende dicono che il Kraken potrebbe divorare l’intero equipaggio di una nave in una sola volta. La storia del Kraken risale a una storia scritta nel 1180 dal re Sverre di Norvegia. Come per molte leggende, il Kraken iniziò con qualcosa di reale, basato sugli avvistamenti di un vero animale, il calamaro gigante.

Per gli antichi marinai, il mare era insidioso e pericoloso, nascondendo un’orda di mostri nelle sue inconcepibili profondità. Ogni incontro con un animale sconosciuto divenne mitologico nelle storie dei marinai. Dopotutto, la storia cresce nella narrazione. Inutile dire che, per la scienza, il Kraken è semplicemente un calamaro gigante.

Ma anche dopo decenni di ricerche, i calamari giganti erano stati visti solo nelle fotografie. Infine, nel luglio 2015, gli scienziati hanno registrato il primo video di un calamaro gigante vivente che nuota a circa 609 metri sotto la superficie dell’Oceano Pacifico.

Le immagini mostravano la creatura sfuggente lunga circa 10 metri. Finora il calamaro più grande mai registrato. Quindi questa scoperta ha aperto la porta alla possibilità che il kraken esista? Bene, come risultato di immagini nuove e inquietanti, possiamo dire di sì.

Il fotografo Deron Verbeck era nell’Oceano Pacifico al largo delle Hawaii alla ricerca di squali. Quando incontrò uno squalo pinna bianca con strani segni sulla schiena, seppe che stava accadendo qualcosa di strano. Ciò che la foto rivelò fu che quelli non erano solo segni, ma cicatrici di quelli che potevano essere anelli di aspirazione da un tentacolo gigante che probabilmente apparteneva a una creatura gigantesca.

Si è scoperto che lo squalo era andato più in profondità del normale in cerca di cibo, ma è successo qualcosa di inaspettato.

Verbeck pubblicò immediatamente la foto bizzarra dello squalo sulla sua pagina Facebook, ma dopo averla inviata all’esperto di squali Yannis Papastamatiou della Florida International University, quest’ultimo gli ordinò di rimuoverla immediatamente. Apparentemente, nessuno scienziato aveva mai visto nulla di simile prima e Papastamatiou non voleva che il risultato fosse rivelato fino a quando non fosse stato adeguatamente studiato.

Gli squali sono generalmente visti come i principali predatori degli oceani, ma cosa succede quando due specie dalla cima della catena alimentare si scontrano?

Ancora più strano è che di solito non si incontrano nemmeno. Gli squali rimangono generalmente nella zona pelagica, ma quelle cicatrici tentacolari (come si vede nello squalo nella foto) probabilmente provenivano da una specie di mostro calamaro che vive a una profondità di almeno a mille piedi di profondità, o forse prova del esistenza del Kraken.

“Mentre le specie esatte non possono essere confermate, le specie candidate includono i calamari giganti (Architeuthis dux), o specie dei generi Thysanoteuthis rhombus (calamari di diamante) e Megalocranchia (una specie di calamari di cristallo)”, ha detto Papastamatiou in uno studio pubblicato sul Journal of Fish Biology. “I dati di telemetria mostrano che C. longimanus (squali pinna bianca) si tufferà all’interno della zona mesopelagica e può interagire o persino cercare foraggi su grandi cefalopodi”.

Apparentemente, la fame ha portato questo squalo a inseguire la creatura simile a Kraken, che doveva essere lunga almeno 10 metri, in base al tentacolo di 8 metri che ha lasciato quelle cicatrici.

Papastamatiou e colleghi credono che quando lo squalo ha tentato di mordere la creatura, ha affrontato una reazione inaspettata.

I calamari giganti sono anche noti per avere denti affilati incorporati nei loro germogli per una presa extra. Mentre i predatori non vanno sempre d’accordo con altri predatori allo stato brado, non ci sono mai prove che uno squalo affronti un calamaro estremamente grande.

Questo significa anche che le creature che abitano in diverse aree dell’oceano potrebbero non essere isolate come pensavamo. Poiché nessuno ha assistito a questo sequel di Sharktopus, ci sono ancora cose che non sono ancora chiare. Esiste la possibilità che il cefalopode fosse ancora più grande, soprattutto perché il calamaro gigante più grande mai trovato era lungo 13 metri e si credeva che pesasse circa una tonnellata.

Il colossale calamaro è una specie sfuggente che non resta indietro. È noto per essere più grande di una balena blu, ma si dice che questi giganti siano lunghi circa 14 metri, con solo i loro corpi che occupano da 2 a 4 metri di lunghezza. Sono ancora molte le cose che non si conoscono su di loro, poiché gli unici esemplari attentamente studiati sono stati i cuccioli.

Esiste la possibilità che gli squali siano presenti nel menu del più grande invertebrato conosciuto. Sebbene non vi siano prove di colossali calamari che si nutrono di squali, sono noti per inseguire alcuni pesci abbastanza grandi e persino altre specie di calamari di profondità. I biologi credono che sia stato lo squalo a dare inizio all’epica battaglia. C’è una specie di squalo che presumibilmente caccia il calamaro colossale: lo squalo dormiente del Pacifico.

Che si tratti o meno del Kraken, questa nuova scoperta potrebbe essere la spiegazione dei misteriosi incidenti che si sono verificati negli ultimi anni in Australia. Nel 2014, gli scienziati australiani hanno etichettato un grande squalo bianco sano di circa tre metri come parte del programma di monitoraggio di questi animali.

Quattro mesi dopo, il dispositivo di localizzazione incagliato apparve su una spiaggia. Quando gli scienziati hanno controllato i dati, hanno scoperto una terrificante sequenza di eventi: lo squalo è stato trascinato a 1900 metri sotto il livello del mare ed è stato poi inghiottito, a causa della temperatura registrata da 7 a 9 gradi Celsius più calda dell’acqua circostante.

E l’anno scorso hanno trovato un enorme squalo con una testa morsa nelle acque al largo della costa di Sydney. Finora nessuno ha saputo che enorme creatura avesse mangiato questi squali, ma qualunque cosa fosse era enorme. Forse gli antichi marinai avevano ragione sull’esistenza del Kraken. Ciò che è chiaro è che gli squali non governano l’oceano tanto quanto pensavamo.