Spitzer osserva un "mostro" galattico: è Godzilla!

Vedi un mostro in questa immagine? I punti luminosi vicino alla parte superiore dell’immagine ricordano gli occhi penetranti e il muso allungato di Godzilla. In realtà, questa immagine colorata mostra una nebulosa, una nuvola di gas e polvere nello spazio, catturata dallo Spitzer Space Telescope della NASA.

Nel corso di miliardi di anni, innumerevoli stelle si sono formate in quel materiale. Durante la loro vita, le radiazioni che rilasciano influenzano il gas e la polvere, rimodellando la nuvola. Grandi cambiamenti si verificano anche quando le stelle massicce muoiono ed esplodono, diventando supernove.

Se osservata alla luce visibile, la luce che i nostri occhi possono rilevare, questa regione è quasi completamente oscurata da nuvole di polvere. Ma la luce infrarossa – lunghezze d’onda più lunghe di quanto i nostri occhi possano percepire – può penetrare le nuvole, rivelando regioni nascoste come questa.

Quattro colori (blu, ciano, verde e rosso) sono stati usati per rappresentare diverse lunghezze d’onda della luce infrarossa; Giallo e bianco sono combinazioni di queste lunghezze d’onda.

Il blu e il ciano rappresentano le lunghezze d’onda emesse principalmente dalle stelle. La polvere e le molecole organiche chiamate idrocarburi appaiono verdi; E la polvere calda che è stata riscaldata da stelle o supernove appare rossa.

Spitzer osserva un "mostro" galattico: è Godzilla!

Questa immagine è stata elaborata dall’astronomo del Caltech Robert Hurt, responsabile della stragrande maggioranza delle immagini pubbliche create dai dati di Spitzer dal lancio dell’osservatorio nel 2003. Hurt è anche colui che ha visto Godzilla nell’immagine.

Sicuramente un modo “mostruoso” di iniziare la settimana come preludio ad Halloween

Credito immagine: NASA / JPL-Caltech