settimana santa pasqua date anno

Pasqua ebraica e cristiana: differenze e coincidenze. C’è una festa religiosa molto importante sia per i cristiani che per gli ebrei: la Pasqua. Ogni anno, i fedeli di entrambe le religioni si incontrano per commemorare e ricordare diversi eventi che hanno segnato eventi nella storia di ciascuna delle loro religioni.

Cosa significa la parola Pasqua?

La parola Pasqua appare in latino come “pascha”, in greco πάσχα “páscha” e in ebraico (pesáh) Pésaj in spagnolo, dice la Royal Spanish Academy. E significa “passo” o “salto”.

La pasqua ebraica

Anticamente la Pasqua era una festa dei pastori in cui veniva sacrificato un agnello come offerta per chiedere fertilità. Hanno celebrato il passaggio dall’inverno alla primavera, e lo hanno fatto dopo la prima luna piena della stagione primaverile (nell’emisfero settentrionale).

Divenne poi una celebrazione della liberazione del popolo ebraico dalla schiavitù in Egitto. E oggi, gli ebrei commemorano la Pasqua (Pesach) come una delle loro feste principali in cui ricordano il passaggio che il popolo ebraico portò insieme a Mosè attraverso il Mar Rosso. Celebrano una cena di famiglia chiamata Seder (ordine in italiano) piena di simbolismo e preghiere.

La pasqua cristiana

Per i cristiani, la Pasqua è anche la festa più importante dell’anno in quanto celebra il passaggio di Gesù dalla morte alla vita. È la festa in cui si crede che sia risorto la domenica dopo aver passato il venerdì a morire in croce.

Sebbene non esista una rigida tradizione riguardo al cibo, le famiglie cristiane di solito si riuniscono la domenica e partecipano alla messa per commemorare la risurrezione di Gesù per salvare la gente.

Come coincidono la Pasqua ebraica e quella cristiana?

Esiste una relazione storica e religiosa tra la Pasqua ebraica e quella cristiana.

Cristo è morto nel primo giorno della festa ebraica che celebra la liberazione da parte di Dio del popolo ebraico dalla schiavitù in Egitto. “La morte di Gesù adempie l’antica legge ebraica riguardante l’agnello pasquale che gli ebrei mangiano alla vigilia del 15 Nisan (il primo mese del calendario ebraico biblico, che inizia con la commemorazione della liberazione degli ebrei dalla schiavitù in Egitto)”.

Cristo muore lo stesso giorno della Pasqua ebraica in cui vengono uccisi gli agnelli. In entrambi i casi c’è un sacrificio e una liberazione.

Perché le date della Pasqua cambiano ogni anno?

Le date di Pasqua cambiano ogni anno per ebrei e cristiani. Entrambe le festività sono governate da calendari diversi, ma sono scandite da eventi astronomici. Gli ebrei mangiano l’agnello pasquale alla vigilia del 15 nisan. Gesù celebrò l’Ultima Cena durante la Pasqua ebraica, cioè il 14 nisan, morì sulla croce il 15 nisan e risorse la domenica successiva, il 17 nisan.

Ma è molto difficile trasferire un’antica festività dal calendario ebraico a quello cristiano. Gli ebrei hanno un calendario lunare di 354 giorni e i cristiani un calendario solare di 365.

Nell’impero romano fu poi decretato che la Pasqua sarebbe stata di domenica perché si crede che Gesù sia risorto dai morti in quel giorno della settimana. Ecco perché si è deciso di celebrare la Pasqua la prima domenica dopo la prima luna piena, dopo l’arrivo della primavera nell’emisfero settentrionale.

Tuttavia, va notato che non tutti i cristiani celebrano la Pasqua nello stesso giorno. Gli ortodossi, ad esempio, celebrano la Pasqua in un’altra data perché seguono il calendario giuliano.

La data per celebrare la Pasqua sia per i cristiani che per gli ebrei varia tra la fine di marzo e la fine di aprile di ogni anno.