Gesù Cristo era veramente un monaco buddista di nome Issa?

Dall’età di 13 fino a 29 anni non vi è alcuna testimonianza biblica, occidentale o mediorientale dei luoghi o delle attività di Gesù in Palestina. Questo intervallo, noto come “The Lost Years” (Gli anni persi), è un immenso vuoto che rimane un mistero finché non si esplora un fatto accaduto del 1887.

Alla fine del XIX secolo, l’accademico russo Nicolas Notovich (1858-1916) viaggiò per tutta la India, Tibet e Afghanistan. Ha raccontato le sue esperienze e le sue scoperte nel suo libro “La Vita di Sant’Issa” pubblicata in francese nel 1894 col titolo “La vie inconnue de Jesus Christ” (Vita sconosciuta di Gesù Cristo).

L’opera però è basata su un falso manoscritto, e quindi risultò essere una truffa. Il critico testuale Bart Ehrman afferma che “oggi non c’è un singolo studioso di fama su questa terra che abbia dei dubbi sulla questione. L’intera storia è stata inventata da Notovitch, che guadagnò un bel po’ di soldi e una notevole quantità di notorietà per la sua beffa”.

La versione su Gesù raccontata da Nicolas Notovich.

Nel suo libro spiega che ad un certo punto, durante il suo viaggio, il giornalista russo si ruppe una gamba nel 1887. Fu recuperato nel monastero buddista tibetano di Hemis nella città di Leh, nella parte superiore dell’India.

Fu qui che i monaci buddisti mostrarono a Notovich due grandi volumi giallastri di un documento scritto in tibetano, intitolato La vita di San Issa. Durante la sua permanenza nel monastero, Notovitch ha tradotto il documento che racconta la storia di un bambino Gesù (cioè Issa = “figlio di Dio”), nato nel primo secolo da una povera famiglia in Israele.

Gesù fu definito “il figlio di Dio” dagli studiosi vedici che lo istruirono nei sacri testi buddhisti dall’età di 13 a 29 anni.

Gesù Cristo era veramente un monaco buddista di nome Issa?

Notovitch ha raccontato di aver tradotto 200 dei 224 versi del documento.

Durante la sua permanenza nel monastero nel 1887, un lama spiegò a Notovich tutta la portata e l’estremo livello di illuminazione che Gesù aveva raggiunto.

Issa [Gesù] è un grande profeta, uno dei primi dopo i ventidue Buddha”, dice il lama a Notovitch. “È più grande di qualsiasi Dalai Lama, perché è parte della spiritualità del nostro Signore. È lui che ti ha illuminato, che ha restituito alla luce della religione le anime dei frivoli, e che ha permesso a ciascuno di distinguere tra il bene e il male. Il suo nome e le sue azioni sono registrati nelle sacre scritture. E mentre leggiamo la sua meravigliosa esistenza, trascorsa nel mezzo di una gente fuorviata e fuorviata, piangiamo per l’orribile peccato dei pagani che, dopo averlo torturato, lo hanno ucciso”.

La scoperta del tempio di Gesù in India sembra essere perfettamente in linea con gli anni perduti di Gesù, così come il grado di importanza della sua nascita in Medio Oriente.

Quando un grande buddista o uomo santo (cioè Lama) muore, gli uomini saggi consultano le stelle e gli altri presagi e partono, spesso su tragitti straordinariamente lunghi, per trovare il bambino che è la reincarnazione del Lama. Quando il bambino è abbastanza grande, lo distanziano dai suoi genitori e lo educano nella fede buddista.

Gli esperti ipotizzano che questa sia l’origine fondamentale della storia dei Magi, e molti, nonostante Notovitch confessò di aver falsificato le prove, continuano a ritenere che Gesù sia stato portato in India all’età di 13 anni e insegnato come buddista. A quel tempo, il buddismo era già una religione vecchia di 500 anni e il cristianesimo, naturalmente, non era nemmeno iniziato.