Scoperto il primo animale che non respira.

Un gruppo internazionale di scienziati ha trovato il primo animale al mondo che non deve respirare. È il parassitaHenneguya salminicola“, che vive nel tessuto muscolare dei pesci e dei vermi subacquei.

Nel loro studio, i cui risultati sono stati pubblicati lunedì sulla rivista PNAS, gli specialisti hanno analizzato la struttura del parassita e hanno determinato che nel corso della sua evoluzione ha perso il DNA mitocondriale, che contiene i geni responsabili della respirazione.

Non è la prima volta che si osserva che il processo di evoluzione elimina in alcuni organismi la capacità di respirare, poiché amebe e alcuni funghi hanno subito cambiamenti simili. Tuttavia, questa è la prima volta che questo cambiamento si verifica in un animale.

“La nostra scoperta mostra che l’evoluzione può andare in strane direzioni.

La respirazione aerobica è una delle maggiori fonti di energia e tuttavia abbiamo trovato un animale che ha rinunciato a questo percorso essenziale”, ha detto Dorothee Hucho, professore all’Università di Tel Aviv (Israele) che ha guidato le indagini.

Scoperto il primo animale che non respira.
A sinistra: colorazione del DNA. A – M. squamalis (mitocondri visibili), B – H. salminicola (solo DNA nucleare). A destra: C: microscopia elettronica, organello simile ai mitocondri nella cellula di H. salminicola. Yahalomi et al. / PNAS, 2020

In tale contesto, lo scienziato ha indicato che al momento non è noto come il parassita produca energia, ma sospetta che possa essere ottenuto dall’organismo del suo ospite o eseguire un tipo di respirazione senza ossigeno.

Inoltre, ha indicato che “è generalmente considerato” che l’evoluzione rende gli organismi più complessi, ma in questo caso stanno affrontando il processo opposto. “Vivere in un ambiente privo di ossigeno, sbarazzarsi dei geni non necessari responsabili della respirazione aerobica e diventare un organismo ancora più semplice”, ha detto.