scoperto naufragio montevideo maru australia

Dopo 12 giorni di ricerca, una spedizione internazionale ha trovato i resti del naufragio del Montevideo Maru nel Mar Cinese Meridionale. L’esplorazione è stata condotta a nord-ovest di Luzon, la più grande e importante isola delle Filippine, con l’aiuto di tecnologie all’avanguardia, tra cui un veicolo sottomarino autonomo. Il gruppo di archeologi marini ha impiegato giorni per verificare l’autenticità della scoperta, effettuata a 4000 metri sotto il mare.

Circa 1060 prigionieri della Seconda Guerra Mondiale morirono quando la nave fu affondata da un siluro del sottomarino americano USS Sturgeon il 1 luglio 1942. Questo evento è considerato il peggior disastro marittimo della storia dell’Australia. Si stima che 979 australiani siano morti, insieme a 33 membri dell’equipaggio del cargo norvegese Herstein e altri cittadini di nazioni alleate degli Stati Uniti. Sono morti anche 20 guardie e membri dell’equipaggio giapponesi.

L’equipaggio del sottomarino non sapeva che cittadini delle nazioni alleate, che erano stati catturati alcuni mesi prima nella caduta di Rabaul, attualmente Papua Nuova Guinea, erano a bordo della nave in quel momento. L’Archivio Nazionale dell’Australia afferma che la nave non era contrassegnata come trasportatore di prigionieri di guerra.

Il primo ministro australiano, Anthony Albanese, ha scritto venerdì su Twitter che la scoperta avrebbe fornito “un po’ di conforto ai cari che hanno mantenuto una lunga veglia“.

La missione è stata organizzata dalla Fondazione Silentworld di Sydney, un’organizzazione filantropica dedicata all’archeologia e alla storia marittima guidata dall’imprenditore australiano John Mullen.

Secondo Mullen, questa scoperta ha chiuso un “capitolo terribile nella storia militare e marittima internazionale“. “Sono orgoglioso di essere cittadino di un paese che non dimentica mai o smette di cercare coloro che si perdono nell’adempimento del dovere, non importa quanti anni passino“, ha sottolineato.