Milan-Juve 4-2, per un rigore la Juventus perse la testa.

RISULTATO FINALE MILAN-JUVE 4-2 – La Juventus ha perso a San Siro 4-2 con un Milan al quale bisogno applaudire per aver fermato le prime due in classifica. I Bianconeri in realtà erano ad un passo, dopo la sconfitta della Lazio in casa del Lecce (2-1) nella partita delle 19:30, nel portarsi a ben 9 punti di vantaggio e ipotecare seriamente la conquista del nono scudetto consecutivo. Infatti fino al 62′ la Vecchia Signora stava vincendo 0-2 grazi ai gol segnati da Rabiot al 47′ (al termine di una strepitosa azione personale) e CR7 Cristiano Ronaldo al 53′ abilissimo ad approfittare di una disattenzione della difesa rossonera. Fino a quando la VAR review dichiara un discutibilissimo calcio di rigore per fallo di mano di Bonucci.

E’ il 62esimo quando Ibrahimovic trasforma il penalty e la Juventus cade in un pozzo profondo di oscurità. Sì perchè in cinque minuti si vede rimontare il risultato commettendo errori che mandano in bestia persino Chiellini in panchina. Senza parlare di Sarri… Due minuti di pura follia bianconera in difesa: al 66′ pareggia Kessié e al 67′ Leao porta in vantaggio il Milan. Il quarto gol è firmato da Rebic all’80esimo su “assist” perfetto di Alex Sandro.

Alla fine il match si riassume così: la Juventus spreca l’occasione di allungare sulla Lazio e resta a +7 (ottimo margine comunque), mentre i rossoneri momentaneamente si portano in quinta posizione.

Tra l’altro, il Milan non vinceva un incontro di Serie A dopo essere andato in svantaggio di due gol da ottobre 2016 (4-3 contro il Sassuolo). L’ultima volta che la Juve aveva subito una rimonta da 2-0 a 4-2 era accaduto contro la Fiorentina il 20 ottobre 2013. Era da ottobre 2013 che il Milan non segnava più di un gol in Serie A in una sfida contro la Juventus. Il Milan non segnava quattro gol alla Juventus in Serie A da marzo 1989 (4-0).

Il tabellino di Milan-Juventus 4-2

Marcatori gol: 47′ Rabiot (J), 53′ Ronaldo (J), 62′ rigore di Ibrahimovic (M), 66′ Kessié (M), 67′ Leao (M), 80′ Rebic (M).

Milan (4-2-3-1): Donnarumma; Conti (82′ Calabria), Kjaer, Romagnoli, Hernandez; Kessié, Bennacer; Saelemaekers (60′ Leao), Rebic (82′ Krunic), Paquetà (46′ Calhanoglu); Ibrahimovic (68′ Bonaventura). All. Pioli

Juventus (4-3-3): Sczesny; Cuadrado (78′ Alex Sandro), Rugani, Bonucci, Danilo; Bentancur (94′ Muratore), Pjanic (69′ Ramsey), Rabiot (69′ Matuidi); Bernardeschi, Higuain (69′ Douglas), Cristiano Ronaldo. Allenatore Sarri.

Ammoniti: Paquetà, Bennacer, Bonucci, Conti.