remix musicale dj nasa suono buchi neri ammasso galassie perseo

Non è una playlist Spotify, non è musica elettronica, è il suono dei buchi neri al centro dell’ammasso di galassie Perseo, che permettono a DJ NASA di creare melodie come quella che condivideremo in questa pubblicazione.

L’agenzia spaziale statunitense spiega che questi particolari buchi neri sono stati associati al suono. Questo perché gli astronomi hanno scoperto che le onde di pressione emesse dal buco nero causavano increspature nel gas caldo dell’ammasso che potrebbero essere tradotte in una nota – che gli esseri umani non riescono a sentire – 57 ottave sotto il Do centrale.

La traduzione dei dati astronomici in suono

Ora una nuova sonificazione porta più note a questa macchina del suono del buco nero, o come la chiamano in modo divertente, DJ NASA. Questa nuova melodia, ovvero la traduzione dei dati astronomici in suono, è stata pubblicata durante la settimana del buco nero della NASA quest’anno.

Questa “sonificazione” è diversa da qualsiasi altra cosa fatta prima perché rivisita le effettive onde sonore scoperte nei dati dell’Osservatorio a raggi X Chandra della NASA.

L’idea sbagliata popolare che non ci sia suono nello spazio deriva dal fatto che la maggior parte dello spazio è essenzialmente un vuoto, che non fornisce alcun mezzo per la propagazione delle onde sonore.

Un ammasso di galassie, nel frattempo, ha grandi quantità di gas che inghiottono centinaia o addirittura migliaia di galassie al suo interno, fornendo un mezzo per il viaggio delle onde sonore.

In questa nuova sonificazione di Perseo, le onde sonore precedentemente identificate dagli astronomi sono state estratte e udibili per la prima volta. Le onde sonore sono state disegnate in direzioni radiali, cioè lontano dal centro. I segnali sono stati quindi sintetizzati nuovamente nella gamma dell’udito umano aumentandoli di 57 e 58 ottave sopra la loro altezza effettiva.

La scansione simile a un radar attorno all’immagine ci consente di ascoltare le onde emesse in diverse direzioni. Nell’immagine visiva di questi dati, sia il blu che il viola mostrano i dati dei raggi X acquisiti da Chandra.