foto problemi telescopio james webb

Rischi di interpretare erroneamente i dati? I meccanismi utilizzati dagli astronomi per decifrare le informazioni spettrali non sono abbastanza buoni per interpretare accuratamente i dati dal James Webb Space Telescope, secondo un nuovo studio del Massachusetts Institute of Technology (MIT) pubblicato giovedì sulla rivista Nature Astronomy.

In particolare, i ricercatori suggeriscono che i modelli di opacità, utilizzati per decodificare gli spettri degli esopianeti, potrebbero richiedere modifiche per corrispondere all’accuratezza dei dati del telescopio.
Se questi modelli non vengono migliorati, le proprietà delle atmosfere planetarie, come la loro temperatura, pressione e composizione elementare, potrebbero essere sfasate di un ordine di grandezza, il che potrebbe impedire la cattura di segnali che indicano se il pianeta è abitabile o meno.

problemi telescopio james webb foto

“C’è una differenza scientificamente significativa tra la presenza di un composto come l’acqua al 5% e al 25% che i modelli attuali non possono differenziare”, ha affermato il co-leader dello studio Julien de Wit, assistente professore presso il Dipartimento di Scienze della Terra, dell’atmosfera e Scienze Planetarie (EAPS) del

MIT.

Nel loro studio, i ricercatori hanno creato otto modelli di opacità alternativi. Hanno quindi esaminato gli spettri del telescopio James Webb attraverso questi modelli e hanno scoperto che tutti producevano previsioni molto diverse sulle proprietà dell’atmosfera di un pianeta, ma sembravano adattarsi molto bene ai dati.

problemi telescopio james webb

“Abbiamo scoperto che ci sono abbastanza parametri che possono essere regolati, anche con un modello sbagliato, per ottenere una buona vestibilità, il che significa che non sapresti che il modello è sbagliato e ciò che dice è sbagliato”, ha spiegato de Wit.

I ricercatori hanno escogitato alcune idee che potrebbero migliorare i modelli di opacità esistenti, inclusa la necessità di ulteriori esperimenti di laboratorio per perfezionare i modelli.

“Si potrebbe fare molto se sapessimo davvero come la luce e la materia interagiscono”, ha aggiunto il coautore dello studio Prajwal Niraula, uno studente laureato EAPS. “Lo sappiamo abbastanza bene riguardo alle condizioni sulla Terra, ma non appena ci spostiamo in altri tipi di atmosfere, le cose cambiano, e sono molti i dati di qualità sempre più alta che corriamo il rischio di interpretare erroneamente”, ha concluso.