Bambino di 7 anni si lamenta di un “ufficio spaventoso” nella sua scuola terapeutica negli Stati Uniti e sua madre rimane inorridita nel vedere il video del maltratto a suo figlio. Le immagini hanno avviato un’indagine sulla pratica controversa della detenzione e degli abusi nelle scuole.

Nella contea di Lake, nell’Illinois (USA), le immagini di sorveglianza della scuola terapeutica Gages Lake, per studenti con disabilità emotive e comportamentali, hanno mostrato Staley Sandy-Ester, 7 anni, tenuto in una stanza in “solitudine“.

Si è scoperto che Staley, come raccontato da ProPublica Illinois e Chicago Tribune, a cui era stato diagnosticato un disturbo da deficit di attenzione e iperattività, veniva sistematicamente sistemato in stanze di questo tipo. La registrazione, filmata il 30 aprile, è stata ottenuta dalla sua famiglia e mostra i tentativi di Staley di lasciare la stanza mentre un assistente scolastico, seduto su una sedia, blocca l’uscita.

Nonostante le lamentele del piccolo Staley su un “ufficio terrificante” nella sua scuola, suo padre non sapeva cosa fosse fino a quando non vide il video delle telecamere di sorveglianza. Fu allora che il Dipartimento dei servizi per l’infanzia e la famiglia dell’Illinois lanciò un’indagine per accertare se i bambini fossero stati maltrattati fisicamente in una zona della scuola chiamata “l’ufficio”, dove i bambini rimanevano isolati. È stato rivelato che otto bambini, incluso Staley, avrebbero potuto subire abusi per un mese in primavera.

In totale, a metà maggio sono state aperte 21 indagini su presunti abusi fisici nel lago Gages. Uno degli assistenti della scuola ora deve affrontare accuse penali per l’uso eccessivo della forza sugli studenti. Un assistente che ha lavorato a scuola per 18 anni, si è suicidato ad agosto poco dopo aver appreso le indagini.