Giappone batte Record di Velocità Internet con Connessione a 319 Tbps

Una buona parte dei nostri lettori ricorda con affetto e nostalgia quei giorni della preistoria di Internet. Dove scaricare un brano in formato MP3 con un peso di 3 MB poteva richiedere fino a 30 minuti. Al giorno d’oggi, in 30 minuti e con una connessione domestica media, si potrebbe scaricare film completi in risoluzione Full HD tramite servizi come Netflix o Amazon Prime Video. Il piccolo grande dettaglio che fa la differenza è che ogni film pesa in media 1,8 GB, cioè 1800 MB. Lontano da quei 30 minuti che richiedevano il download di soli 3 MB. La velocità di Internet si è evoluta notevolmente. Ma nel campo della ricerca tecnologica sono state raggiunte velocità ancora più folli di quella che si ha nella connessione domestica.

Giappone rompe il record di velocità Internet

Giappone batte Record di Velocità Internet con Connessione a 319 Tbps

Succede che un gruppo di ingegneri dell’Istituto nazionale delle tecnologie dell’informazione e della comunicazione del Giappone (NICT) è riuscito a navigare nella rete con una velocità di trasmissione dati di 319 terabyte al secondo. Questi 319 Tbps sono stati ottenuti attraverso un nuovo metodo di trasferimento dei dati, che divide i segnali in varie lunghezze d’onda, che sono stati applicati a un sistema in fibra di 3.

001 chilometri.

La cosa più interessante qui è che per effettuare questi test sono stati applicati parametri compatibili al 100% con la reale infrastruttura di connessione di praticamente qualsiasi provider di fibra ottica. Ciò significa che queste velocità potrebbero essere raggiunte senza richiedere un cambiamento radicale dei sistemi già installati presso la stragrande maggioranza degli operatori che offrono questo servizio di connessione.

In sostanza, in Giappone hanno usato cavi in ​​fibra ottica a 4 conduttori invece di uno. Oltre a un laser a 552 canali che ha lanciato il segnale dati a varie lunghezze d’onda. Il precedente record di velocità di connessione era stato fatto nel 2019. A quel tempo il record raggiunto era di circa 178 Tbps. In altre parole, questa volta è quasi il doppio. Anche se onestamente ci vorrebbe un po’ di tempo per vedere questo livello di connessione in una connessione domestica.