Nuovo scandalo abusi polizia USA: ucciso soffocato afroamericano che implorava aiuto per non poter respirare.

Un video in cui l’uomo viene visto svenire dopo essere stato sdraiato a terra e soffocato sotto la pressione del ginocchio di un agente di polizia ha suscitato una forte controversia negli Stati Uniti. “Non riesco a respirare”, disse l’uomo mentre era sul pavimento.

L’ufficio federale di investigazione ele autorità del Minnesota, hanno avviato un’indagine martedì dopo che un uomo di colore è morto dopo essere stato detenuto e sottomesso da un ufficiale di polizia bianco di Minneapolis. L’afroamericano implorava di essere liberato perchè non era in grado di respirare. Quello che in molti definiscono un vero e proprio omicidio è stato registrato in video dai presenti testimoni e distribuito in tutti i social networks. L’uomo è morto poco dopo essere arrivato in ospedale in seguito alla chiamata dell’ambulanza.

Nel video, ripreso dai pedoni che si sono imbattuti nella scena, l’uomo viene visto a faccia in giù sul marciapiede e un agente su di lui, stringendogli il collo con il ginocchio per diversi minuti, senza cambiare posizione e nonostante ascoltando l’uomo che si lamenta più volte di non riuscire a respirare, fino a quando sembra perdere conoscenza.

“Per cinque minuti vediamo un agente bianco stringere il ginocchio sul collo di un uomo nero. Cinque minuti”, ha detto oggi il sindaco di Minneapolis Jacob Frey in una conferenza stampa con il capo della polizia Medaria Arradondo. “Quando senti qualcuno chiedere aiuto, dovresti aiutarlo”, ha aggiunto. “Questo agente ha fallito nel senso umano più elementare. Quello che è successo ieri sera è stato semplicemente orribile”.