Nestlé, Mars, Hershey e altri giganti del cibo sono stati citati in giudizio negli Stati Uniti per incorrere in lavoro minorile nelle piantagioni di cacao

Sette giganti dell’industria alimentare – tra cui Nestlé, Mars e Hershey – sono stati citati in giudizio presso un tribunale federale degli Stati Uniti per presunta tratta e lavoro minorile forzato. Alcuni anni fa Nestlé era stata accusata di sfruttamento dei bambini nelle piantagioni di palma da olio.

Il gruppo per i diritti umani International Rights Advocates (IRA) ha intentato una causa collettiva presso la Corte del Distretto di Columbia, a nome di otto persone del Mali vittime di tratta da bambini, quando sono state costrette a lavorare nelle piantagioni di cacao in Costa d’Avorio. Secondo la class action, le vittime sono state costrette a lavorare in piantagioni che appartenevano “a una o più” delle società citate nella denuncia.

Schiavi bambini per produrre cacao a buon mercato

“Queste aziende hanno una lunga storia di violazione della legge”, ha detto l’IRA in un comunicato stampa sul caso, in cui ha criticato alcune aziende che utilizzano “schiavi bambini per produrre cacao a buon mercato” nelle piantagioni in Costa d’Avorio.

La denuncia è stata presentata sulla base del TVPA (Trafficking Victims Protection Act) degli Stati Uniti, che consente alle vittime della tratta e del lavoro forzato di citare in giudizio le aziende che beneficiano di queste pratiche.

Le società citate in giudizio presso il tribunale del distretto di Columbia sono: Nestlé, Cargill, Mars, Mondelēz, Hershey, Barry Callebaut e Olam.

Il gruppo per la difesa dei diritti umani ha ricordato che queste multinazionali hanno firmato il Protocollo Harkin-Engel nel 2001, un’iniziativa globale che ha cercato di eliminare il lavoro minorile nelle colture di cacao in Ghana e Costa d’Avorio, come i paesi che producono il 60% di questo cibo nel mondo.

Nonostante si sia impegnata a smettere di impegnarsi in questa pratica entro il 2005, l’IRA ha osservato che a queste aziende “sono state concesse numerose estensioni unilaterali di tempo e ora affermano che entro il 2025 ridurranno la loro dipendenza dal lavoro minorile del 70%”.

Citando uno studio dell’Università di Chicago, con dati dal 2018 al 2019, International Rights Advocates ha notato che 1,56 milioni di bambini hanno lavorato nelle aree di coltivazione del cacao in Costa d’Avorio e Ghana.

L’IRA ha osservato che queste aziende traggono profitto dalla tratta e dal lavoro minorile forzato, promuovendo “programmi fasulli che affermano falsamente di risolvere” il problema.

“Queste aziende continueranno a beneficiare della schiavitù infantile fino a quando non saranno costrette a fermarsi. Lo scopo di questa causa è di costringerle a smettere”, ha detto il CEO dell’IRA Terry Collingsworth.