Mar Cinese Meridionale: Cina avverte Australia, provocazioni di nuova Guerra Fredda.

La Cina ha emesso un furioso avvertimento contro l’Australia dopo che i funzionari hanno presentato una denuncia formale alle Nazioni Unite riguardo alla posizione aggressiva di Pechino sul Mar Cinese Meridionale.

Canberra ha denunciato le vaste rivendicazioni marittime della Cina nei confronti delle acque contese, ricevendo poi l’appoggio dalla Malesia, la quale si rifiuta di accettare la posizione di Pechino. La Cina ha reagito con una dura dichiarazione accusando l’Australia di violare “i principi di base delle relazioni internazionali”. E in uno spettacolo di sfida, ha condotto esercizi notturni militari con aerei da guerra sul Mar Cinese Meridionale.

Il ministero della Difesa cinese ha affermato la marina cinese ha simulato decolli notturni, attacchi aerei e attacchi contro obiettivi in ​​mare con aerei bombardieri H-6G e H-6J. Le esercitazioni militari sono arrivate dopo una giornata di manovre diplomatiche alle Nazioni Unite, dove Pechino ha riaffermato le sue posizioni nel Mar Cinese Meridionale in una nota indirizzata al Segretario Generale dell’organismo mondiale. È stato pubblicato sul sito web della Commissione sui limiti della piattaforma continentale insieme a numerose altre note recenti di Australia, Indonesia, Malesia, Stati Uniti, Vietnam e Filippine.

La nota della Cina afferma: “Atti illeciti dell’Australia per ignorare i fatti di base sulle questioni del Mar Cinese Meridionale e negare la sovranità territoriale dei diritti e degli interessi terrestri e marittimi della Cina nel Mar Cinese Meridionale, hanno violato il diritto dei principi internazionali e di base delle relazioni internazionali, compresa la Carta delle Nazioni Unite”.

La Cina ha anche insistito di avere “diritti storici” sulla sovranità sulle acque e sulle caratteristiche del territorio nel Mar Cinese Meridionale, nonché una zona economica esclusiva di 200 miglia nautiche attorno alle rocce e alle scogliere che compongono gli arcipelaghi Paracel e Spratly.

L’Australia ha respinto queste affermazioni nella sua nota alle Nazioni Unite il 23 luglio, sostenendo che “le rivendicazioni marittime della Cina nel Mar Cinese Meridionale sono illegali”. Ha esortato la Cina a rispettare la sentenza della Corte permanente di arbitrato del 2016 che ha annullato la base giuridica per le richieste della Cina nella regione.

Le relazioni tra Pechino e Canberra sono crollati negli ultimi mesi con dispute sulla pandemia di coronavirus, il commercio e l’approccio apparente dell’Australia negli Stati Uniti. La Cina ha messo in guardia che la cooperazione militare più stretta tra i due aumenta il rischio di un conflitto armato nel sud-est asiatico e potrebbe avere “conseguenze insopportabili” per le nazioni della

regione.

Mar Cinese Meridionale: Cina avverte Australia, provocazioni di nuova Guerra Fredda.

Il quotidiano ultra-nazionalista Global Times, parte del quotidiano statale People’s Daily, ha avvertito che l’Australia “dovrà affrontare le conseguenze insopportabili che minano i suoi legami con la Cina” e suscitare maggiore vigilanza e sfiducia nei confronti di Pechino. Nell’articolo si legge anche: “Canberra si sforza di mostrare la sua lealtà a Washington. Washington sta istigando una nuova Guerra Fredda contro la Cina, mentre la maggior parte dei paesi si trovano ad affrontare in modo passivo”.

Gli avvertimenti cinesi sono stati emessi dopo che gli Stati Uniti e l’Australia hanno partecipato a esercitazioni navali congiunte nel Mare delle Filippine e hanno svelato piani per una nuova riserva militare di carburante a Darwin, la capitale del Territorio del Nord.

Jian Zhang, un esperto di politica estera cinese presso l’Università del Nuovo Galles del Sud, ha dichiarato che la riserva di carburante in Australia sarebbe utile agli Stati Uniti in caso di conflitto con la Cina. Ha detto: “L’Australia, come luogo alternativo per attrezzature e riserve di carburante, è abbastanza logico perché le basi statunitensi nel sud-est asiatico e le basi statunitensi nel nord-est asiatico sono le più colpite”.

Darwin, una città isolata di 130.000 abitanti, è più vicina ad alcune capitali asiatiche della capitale australiana Canberra. Ha ospitato un contingente di 1.250 marine statunitensi dal 2011, sotto il perno dell’ex presidente Barack Obama in Asia a seguito della maggiore fermezza della Cina nella regione.