Instagram è un rischio alla privacy più di FaceApp.

Tranquilli, CR7 Cristiano Ronaldo è ancora “giovane” e giocherà ancora con la Juventus quest’anno :) Alcune persone ritengono che FaceApp, l’applicazione che invecchia digitalmente i propri utenti, possa condividere il volto delle persone con finalità commerciali a terzi. Tuttavia, applicazioni come Facebook o Instagram potrebbero essere più dannose in termini di privacy.

Il dibattito su FaceApp non è nuovo, in quanto già nel 2017 questa applicazione ha ricevuto qualifiche razziste per chiarire il tono della pelle delle persone afro quando hanno usato un’opzione che prometteva di renderle più attraenti.

Recentemente FaceApp è diventata di nuovo popolare, ed è anche una tendenza nei social network con l’hashtag FaceApp Challenge, per invecchiare digitalmente i propri utenti. Il problema è che la nuova reputazione dell’applicazione è stata accompagnata da accuse forti, in quanto gli utenti stanno dando la loro privacy alla Russia.

Ciò è dovuto al fatto che lo sviluppo di questa applicazione è in realtà russo, anche se il suo deposito è negli Stati Uniti, ma anche perché le sue politiche sulla privacy spiegano che FaceApp potrebbe alla fine condividere i dati che l’applicazione raccoglie a terzi per scopi commerciali.

In particolare, FaceApp riconosce che può condividere “contenuti e informazioni dell’utente” per le aziende che fanno parte del suo stesso gruppo aziendale; a terzi che li aiutano a fornire i loro servizi; ai partner di queste terze parti; e alle autorità giudiziarie che richiedono dati per lo sviluppo di un’indagine.

Per quanto riguarda i diversi usi che possono essere dati a questi dati personali, l’applicazione spiega che una parte di essi consente alle reti pubblicitarie di terze parti di pubblicare annunci mirati che considerano di maggiore importanza per le persone. In breve, una profilazione di potenziali acquirenti.

Pratiche come queste non sono nuove, infatti, ci sono quelle che le considerano positive a fini commerciali. Rappi è un esempio di aziende che utilizzano database robusti per profilare potenziali clienti che inviano messaggi pubblicitari ai loro telefoni cellulari.

Per quanto sopra, sarebbe necessario aggiungere elementi come la piattaforma non offre garanzie sulla gestione che l’informazione potrebbe eventualmente avere. Tuttavia, c’è chi afferma che lo scandalo generato da questa applicazione è sovradimensionato e che in realtà ci sono altre applicazioni più grandi, come Instagram, che dovrebbero destare maggiori preoccupazioni per gli utenti.

Applicazioni come Instagram hanno un maggiore accesso alle informazioni dei telefoni degli utenti se si mettono accanto a FaceApp, qui un confronto:

Instagram richiede l’accesso a:
macchina fotografica
contatti
posizione
microfono
telefono
immagazzinamento
Altro (configurazione Bluetooth, corsa all’inizio …)

FaceApp richiede l’accesso a:
macchina fotografica
immagazzinamento
Altro (consentire l’accesso completo alla rete, ricevere dati da Internet …)