Gli oceani inquinati dai rifiuti plastici

Gli Oceani marini della Terra sono inquinati dai rifiuti plastici per un 88% della superficie totale dei mari. A dirlo un gruppo di scienziati spagnoli i quali hanno dimostrato che esistono cinque grandi accumuli di rifiuti plastici negli oceani che coincidono con le cinque grandi correnti che si muovono negli oceani della Terra. Oltre a quella gia’ conosciuta e presente nell’Oceano Pacifico del Nord, esistono blocchi simili anche nel centro dell’Oceano Atlantico del Nord, nel Sud dell’Oceano Pacifico e dell’Atlantico, e nell’Oceano Indiano.

Una grande quantita’ di rifiuti di microplastica (per via delle sue dimensioni), che si generano dalla spazzatura in descomposizione per via anche della radiazione solare, stanno gia’ per essere assimilate nella catena alimentare marina con ovvie e gravi conseguenze, oltre a quelli

piu’ pesanti che si depositano nei fondi marini. La plastica accumulata in superficie risulterebbe essere di decine di migliaia di tonnellate.

I residui plastici che si incontrano nella superficie dei mari, e’ composto prevalentemente da polietilene e polipropilene, polimeri utilizzati in prodotti come le borse di plastica, contenitori di bevande e imballaggi alimentari, articoli per la casa o giocattoli che confluiscono negli oceani attraverso il deflusso delle acque piovane. Un problema che è destinato a peggiorare nei prossimi decenni.