Coronavirus: è vero che l'ibuprofene aggrava i sintomi del COVID-19?

All’inizio della pandemia Coronavirus, alcune organizzazioni sanitarie hanno suggerito che i farmaci antinfiammatori, come il popolare ibuprofene, potrebbero essere associati a una condizione più grave del coronavirus. Un recente studio fa luce su questo collegamento.

Un team di ricercatori britannici ha analizzato i dati di 72.000 pazienti COVID-19 ricoverati tra gennaio e agosto 2020, alcuni dei quali hanno assunto farmaci antinfiammatori non steroidei, e ha concluso che il tasso di mortalità era simile per entrambi i gruppi di pazienti (31,3 % e 30,4%, rispettivamente). Anche l’uso di farmaci antinfiammatori non è stato associato alla gravità della malattia.

L’ibuprofene è sicuro per i pazienti COVID-19

“Ora abbiamo una chiara evidenza che i farmaci antinfiammatori non steroidei sono sicuri da usare nei pazienti COVID-19″, afferma l’autore principale dello studio Ewen Harrison

dell’Università di Edimburgo. Sottolinea che questa scoperta “dovrebbe rassicurare sia i medici che i pazienti”.

Tuttavia, sono ancora necessari ulteriori studi, poiché i ricercatori non hanno tenuto conto della durata del trattamento. Inoltre, non è noto se i risultati possano essere applicati ai farmaci antinfiammatori utilizzati al di fuori del Regno Unito. I risultati dello studio sono stati pubblicati sulla rivista scientifica The Lancet Rheumatology.