Continuano ad avvicinarsi Asteroidi alla Terra, rimangono fonti di preoccupazione.

La NASA ha avvertito di una nuova serie di 5 asteroidi che si avvicineranno alla Terra questa settimana e ha nuovamente ricordato la necessità di sviluppare sistemi di difesa planetaria contro gli oggetti celesti.

L’evento inizierà con due asteroidi – l’XA22 del 2013 e il KZ3 del 2020, rispettivamente da 94 e 20 metri di larghezza – che passeranno in queste ore, a distanze di 2,9 milioni e 1,2 milioni di chilometri. La distanza media dalla Terra alla Luna è di 385 mila km, quindi il passaggio relativamente vicino dell’asteroide KZ3 2020 non rappresenta una minaccia per il nostro pianeta.

Il prossimo asteroide KY 2020, che misura 20 metri, apparirà mercoledì e supererà una distanza di sicurezza di 6,6 milioni di chilometri. Seguirà un altro asteroide di dimensioni simili, che si avvicinerà a 5,8 milioni di km giovedì.

Lo stesso giorno, un altro asteroide, questa volta di 18 metri, passerà ad una distanza più vicina di 3,7 milioni di km.

Pochissimo tempo per prepararsi all’impatto o per cercare di dirottarli.

Sebbene nessuno dei cinque corpi celesti permetta di prevedere una apocalisse sulla Terra, possono ancora essere considerati fonti di preoccupazione. Quattro di loro sono stati rilevati solo a metà del mese scorso, in modo che se avessero minacciato la Terra, avrebbero lasciato l’umanità con pochissimo tempo per prepararsi all’impatto o per cercare di dirottarli.

È la seconda settimana di seguito che vede il passaggio di almeno cinque asteroidi, qualcosa che ricorda la potenziale minaccia che questi oggetti rappresentano per la Terra, nonché la necessità di sviluppare sistemi di allerta precoce.