cometa aliena avvicinandosi al sole

SPAZIO NEWS – Cometa 96P/Machholz 1: Oggetto Spaziale Anomalo. Si ritiene che la cometa larga 6 chilometri, provenga da qualche parte al di fuori del nostro sistema solare ed è monitorata dal Solar and Heliospheric Observatory (SOHO) della NASA e dall’Agenzia spaziale europea (ESA). E’ un oggetto spaziale mentre scivola verso la nostra stella all’interno dell’orbita di Mercurio, lasciando dietro di sé una scia ghiacciata.

Le code delle comete sono costituite principalmente da gas, che gocciola dietro ammassi congelati di ghiaccio e gas mentre vengono riscaldati dalla radiazione solare. Nel 2008, un’analisi del materiale emesso da 150 comete ha rilevato che 96P/Machholz 1 conteneva meno dell’1,5% dei livelli previsti di cianogeno chimico, oltre ad essere a basso contenuto di carbonio.

96P è una cometa molto anomala, sia nella composizione che nel comportamento, quindi non sappiamo mai esattamente cosa potremmo vedere”, ha detto Karl Battams, un astrofisico del Naval Research Laboratory di Washington DC. di esso.’ di questo e condividerlo con tutti il ​​prima possibile.

La cometa 96P/Machholz 1 è una cometa periodica nel nostro sistema solare. Fu scoperta nel 1986 dall’astronomo dilettante Donald Machholz. La cometa ha un breve periodo orbitale di soli 5,2 anni, il che significa che completa un’orbita attorno al Sole ogni 5,2 anni.

Cometa 96 P Machholz 1 Oggetto Spaziale Anomalo

96P/Machholz 1 è classificata come “Kreutz Sungrazer“, nel senso che è un frammento di una cometa più grande che si è spezzata secoli o millenni fa. Le Kreutz Sungrazers sono un gruppo di comete che si ritiene abbiano avuto origine da un’unica massiccia cometa che si è frammentata.

Quando 96P/Machholz 1 si avvicina al Sole, i suoi ghiacci iniziano ad evaporare, creando una chioma luminosa e una coda luminosa. Questo la rende un oggetto interessante da osservare e studiare per gli astronomi. Il prossimo avvicinamento ravvicinato di 96P/Machholz 1 al Sole dovrebbe avvenire nel 2026.

David Machholz ha visto per la prima volta la cometa con il suo stesso nome nel 1986 usando un telescopio di cartone fatto in casa! La maggior parte delle comete che cadono verso il sole tendono ad essere larghe meno di 10 metri e di conseguenza bruciano man mano che si avvicinano alla nostra stella.

Ma le dimensioni gigantesche di Machholz 1 (è più di due terzi dell’altezza del Monte Everest) sembrano proteggerla dalla completa evaporazione, e SOHO ha visto la cometa girare intorno al sole cinque volte da quando è stata scoperta.

L’avvicinamento più vicino al sole dell’intruso ghiacciato è avvenuto martedì (31 gennaio), quando era tre volte più vicino alla nostra stella di Mercurio.

Avvistata Gigantesca Cometa Aliena diretta verso il Sole

La cometa potrebbe essersi trovata nella sua strana orbita dopo essere stata espulsa dal suo sistema solare originale dalla gravità di un pianeta gigante. Quindi, dopo aver vagato per un considerevole periodo di tempo nel cosmo, un incontro accidentale con Giove potrebbe aver deviato il suo percorso per intrappolarlo attorno al nostro sole. Altre teorie suggeriscono anche che la cometa potrebbe non essere extraterrestre, ma potrebbe essersi formata in regioni poco conosciute del sistema solare, o che il suo cianogeno sia stato emesso da ripetuti viaggi intorno al sole.

SOHO ha rilevato più di 3000 comete dal suo lancio nel dicembre 1995, sebbene la missione principale del veicolo spaziale sia quella di osservare il sole per violente eruzioni chiamate espulsioni di massa coronale o brillamenti solari che possono causare tempeste geomagnetiche sulla Terra. La più potente di queste tempeste può interrompere il campo magnetico del nostro pianeta abbastanza da rimandare i satelliti sulla Terra, e gli scienziati hanno avvertito che tempeste geomagnetiche estreme potrebbero persino fermare Internet.

SOHO continua a operare in orbita e fornisce dati preziosi che gli scienziati possono studiare. Le sue  osservazioni sono state utilizzate per migliorare la nostra comprensione della connessione Sole-Terra e per prevedere meglio gli eventi meteorologici spaziali che potrebbero influenzare la nostra società guidata dalla tecnologia.