Anunnaki: DNA di tribù melanesiana porta geni di specie aliene.

Al termine dell’incontro annuale dell’American Society of Human Genetics, sono estate esposte conclusioni che possono essere descritte come sconcertanti. I dati raccolti hanno dimostrato che persone provenienti dalla Melanesia (un’area del Pacifico meridionale che circonda la Papua Nuova Guinea e le isole vicine) potrebbero portare alcuni geni alieni nel loro DNA. I genetisti credono che il DNA non riconosciuto appartenga a una specie precedentemente sconosciuta di umanoidi: gli Annunaki?

Secondo Ryan Bohlender, uno dei ricercatori coinvolti nello studio, quella specie non è Neanderthal o Denisova, ma qualcosa di completamente diverso. “Stiamo ingannando una popolazione o stiamo fraintendendo qualcosa sulle relazioni”, ha detto. I Denisovani rappresentano una specie estinta appartenente al genere ominide. Prendono il nome dalla scoperta nella grotta di Denisova nei monti Siberia Altai, dove è stato trovato il primo frammento dell’osso appartenente a questa specie. Si sa molto poco di questo nostro enigmatico cugino. Al momento non si sa molto del popolo della Melanesia.

La storia umana è molto più complicata di quanto pensassimo“, ha detto Bohlender. Pezzo per pezzo, il complesso passato dell’umanità viene portato alla luce. Scoperte come questa sembrano indicare una direzione: non potremmo essere chi pensiamo di essere: “Con ipotesi sulla dimensione della popolazione e sulle più recenti date di separazione della popolazione prese dalla letteratura, stimiamo la data di separazione arcaico-moderna a circa 440mila ± 300 anni fa per tutte le moderne popolazioni umane”.

Se quel numero non fa suonare nessun campanello, ripetiamo l’ipotesi Anunnaki. Secondo la storia della genesi, il dodicesimo pianeta, noto come Nibiru, era popolato da esseri umanoidi molto simili a noi umani. Dopo aver trovato un grave problema nell’atmosfera, hanno fatto una ricerca attraverso il sistema solare per trovare l’oro, un metallo speciale che potrebbe curare il loro pianeta. Quando Nibiru si avvicinò all’orbita della Terra, circa 432mila anni prima di Cristo, i Nibiruani usarono veicoli spaziali per inviare persone e beni essenziali dal loro pianeta alla Terra. Dopo aver raggiunto la superficie, gli esseri avanzati (chiamiamoli pure Alieni in forma “volgare”) stabilirono basi nell’antica Mesopotamia.

Molti credono che questa sia la vera stagione della creazione dell’umanità – nei laboratori dei genetisti di Anunnaki. E questo recente studio conferma questa ipotesi quasi aggiornata. Offre una visione che potrebbe rispondere a una delle nostre domande più antiche e importanti: chi siamo? Per ottenere la soluzione inconfutabile di questo enigma secolare, dobbiamo scavare profondamente dove nessuno ha mai scavato prima.

Ma questo è più difficile da dire che da fare. Un altro modo per farlo sarebbe quello di analizzare i record microscopici che sono nascosti dentro ognuno di noi. Gli Anunnaki sapevano che il loro DNA era la chiave per l’ingegneria dello schiavo ideale. Nella nostra infinita ricerca del nostro vero lignaggio, noi come esseri umani dobbiamo fare lo stesso.

In uno sforzo recente, un altro gruppo di scienziati arrivò a una conclusione simile. Guidati dal genetista evoluzionista Eske Willerslev del Museo di storia naturale della Danimarca, gli scienziati hanno esaminato campioni di DNA prelevati da 83 aborigeni australiani. Hanno anche testato 25 partecipanti appartenenti a popolazioni native degli altipiani della Papua Nuova Guinea. Con loro sorpresa, i ricercatori hanno scoperto il DNA esotico, simile a quello di Denisovan nei genomi dei volontari dello studio. Tenete a mente, i ricercatori lo hanno chiamato solo come Denisovan, ma in realtà il gruppo che ha dato i suoi geni agli antenati dei partecipanti è completamente sconosciuto. “Chi è questo gruppo che non conosciamo?”, ha detto Willerslev. Neanche noi, ma viene in mente una folla particolare.

Non dovrebbe sorprendere che tali scoperte siano sempre fatte quando si studia il genoma di popolazioni remote. Nel corso del tempo, questi gruppi isolati hanno avuto pochi contatti con il mondo esterno. Hanno vissuto e procreato all’interno di comunità chiuse e questo si riflette nel loro genoma. Più ricchi e diversi sono i loro antenati, meno probabile è che i geni particolari rimangano invariati. Nel caso degli aborigeni australiani e melanesiani, l’isolamento significa che un numero minore di geni è stato alterato nel corso della loro esistenza.

Non è difficile immaginare questa versione alternativa del nostro passato.

Gli Anunnaki vengono sulla Terra, giocano per essere Dio e creano l’umanità. Il capo scienziato Enqi e il capo medico Ninti usano la manipolazione genetica e la fecondazione in vitro per creare esseri umani a loro immagine. Usano l’umanità per servire i loro scopi e quando gli fa comodo, dispensano la distruzione sotto forma di un’inondazione di proporzioni bibliche. Alcuni esseri umani scelti sono protetti da una fazione degli Anunnaki che hanno deciso di andare contro il protocollo. Sopravvivono e si diffondono in tutti gli angoli del globo. Migliaia di generazioni passano, e i genomi di coloro che “socializzano” di più sono misti oltre il riconoscimento … Ma in alcuni punti, la fiamma dei creatori brucia ancora. [fonte: ufo-spain.com]