1° Aprile: Come pagare in Rubli il Gas della Russia di Putin

La Banca centrale russa ha pubblicato lo schema di pagamento in rubli che integra il decreto firmato lo stesso giorno dal presidente Vladimir Putin e che si applicherà agli acquirenti stranieri di gas naturale russo a partire da oggi 1° aprile 2022.

Secondo i documenti, la banca russa Gazprombank aprirà conti bancari speciali di tipo ‘C’ in valuta estera e conti bancari speciali dello stesso tipo in rubli su richiesta di acquirenti stranieri.

Questa classe di conti convertibili corrisponde a un tipo speciale di conti che le banche possono aprire per i non residenti, sia persone fisiche che giuridiche. Allo stesso tempo, i clienti potranno richiedere tali conti senza dover presentarsi di persona presso l’istituto.

Una volta aperto, l’acquirente può versare l’importo in valuta estera, stabilito nell’ambito dei contratti di fornitura, sul conto nella valuta corrispondente.

A sua volta, la banca effettuerà la conversione della somma in valuta estera vendendola alla borsa di Mosca e depositerà i fondi in rubli ottenuti da tale operazione nell’altro

conto dell’acquirente. Infine, viene effettuato il trasferimento dell’importo in rubli al venditore.

I contratti saranno sospesi in caso di mancato pagamento

L’acquirente dovrà pagare il fornitore di gas russo con i fondi ottenuti dalla vendita della valuta estera. Come annunciato giovedì dal presidente della Russia, se i pagamenti non vengono effettuati, la Russia lo considererà un default. Ha anche avvertito che i contratti in corso saranno sospesi se i clienti si rifiutano di rispettare questo nuovo requisito del governo russo.

Il 23 marzo Vladimir Putin ha annunciato che il suo paese accetterà pagamenti in rubli russi solo per forniture di gas a paesi ‘ostili’. “Abbiamo fornito le nostre risorse, in questo caso il gas, ai consumatori europei. Loro l’hanno ricevuto, ci hanno pagato in euro che poi hanno congelato per proprio conto. In questo caso, ci sono tutte le ragioni per ritenere che forniamo parte di il gas praticamente gratis inviato in Europa”, ha riassunto il presidente.