Wall Street: Crollo del Dow Jones per paura del CoronaVirus.

Psicosi Coronavirus anche in Borsa. L’indice Dow Jones lunedì ha registrato un calo di 1.031 punti, il 3,56%, e si è attestato a 27.960 unità alle 21:00 GMT, alla Borsa di New York (USA). Anche gli altri principali indici di Wall Street sono crollati a causa dell’incertezza sull’epidemia mondiale di coronavirus. L’indice S&P 500 ha perso il 3,5% e l’indice Nasdaq ha perso fino al 4%.

L’attuale calo del 3,56% di Dow Jones è il peggior calo da febbraio 2018. Gli investitori sono sempre più preoccupati per l’impatto economico dell’epidemia di coronavirus. Anche le azioni delle compagnie di viaggio, insieme a quelle delle società tecnologiche, sono state negoziate lunedì, con Apple, Facebook, Microsoft, Amazon e Alphabet che hanno subito una perdita cumulativa di $ 250 miliardi a causa di un calo maggiore.

Anche le azioni delle compagnie aeree hanno registrato un calo significativo, come Delta e American, che hanno perso il 7%. Nei mercati europei, l’FTSE 100 nel Regno Unito e il DAX in Germania sono scesi di oltre il 3,5%.

Propagazione del coronavirus

Finora, secondo i dati ufficiali, il numero totale di vittime dello scoppio del coronavirus nel mondo ha raggiunto i 2.628.

La Corea del Sud è ora al secondo posto per numero di casi registrati di covid-19, dietro la Cina. Il presidente sudcoreano, Moon Jae-in, ha attivato domenica scorsa il massimo livello di allerta per le malattie infettive dopo l’aumento delle morti per il nuovo coronavirus nel paese (otto in totale).

Nel frattempo, l’Italia è diventata il paese europeo più colpito fino ad oggi da covid-19. Sette persone sono morte e sono stati registrati 230 casi confermati di coronavirus, il che rende il paese il terzo più grande al mondo per numero di infezioni.

Dall’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) hanno escluso che per il momento il coronavirus è diventato una pandemia. Tuttavia, hanno annunciato urgenti sforzi per contenere la diffusione del virus.