Congo: epidemia Ebola allarme mondiale.

L’epidemia di Ebola in corso nello Stato africano del Congo è una “emergenza internazionale di salute pubblica”.

Il direttore generale dell’Organizzazione mondiale della sanità (OMS), Tedros Adhanom Ghebreyesus, ha dichiarato lo scoppio della malattia da virus Ebola nella Repubblica democratica del Congo (RDC) come emergenza sanitaria pubblica di importanza internazionale.

“E’ tempo che il mondo prenda nota e raddoppi i nostri sforzi. Dobbiamo lavorare insieme in solidarietà con la RDC per porre fine a questo focolaio e costruire un sistema sanitario migliore“, ha detto Ghebreyesus in una dichiarazione pubblicata sul sito web dell’organizzazione internazionale. .

La nota indica che il comitato di emergenza dell’OMS, che si è riunito mercoledì 17, ha preparato raccomandazioni specifiche sull’epidemia di Ebola.

“È importante che il mondo segua queste raccomandazioni, è anche cruciale che gli Stati non usino l’ESPII come scusa per imporre restrizioni commerciali o di viaggio,

il che avrebbe un impatto negativo sulla risposta e sulla vita della popolazione nella regione”, ha detto il capo del comitato, Robert Steffen.

Epidemia da virus Ebola in Conga: 1676 morti.

L’attuale epidemia di Ebola nella RDC è iniziata nel luglio 2018 e, secondo gli ultimi dati ufficiali del Ministero della Sanità del paese africano, ha causato 1676 morti.

Il virus Ebola causa una grave malattia che spesso porta a un esito letale, con un tasso di mortalità che raggiunge il 50%.

La malattia, che viene contratta attraverso il contatto diretto con organi, sangue o altri fluidi corporei di persone infette e materiali contaminati, è accompagnata da febbre, debolezza e dolori muscolari, vomito, diarrea, eruzioni cutanee, disfunzione renale e epatica e, in alcuni casi, emorragie interne ed esterne.