Tuatha de Danann, la tribù che ha combattuto gli Anunnaki.

Nella mitologia irlandese, si dice che una razza di re discese dai cieli all’antica cultura pre-celtica. Queste creature alte e luminose portarono con sé la conoscenza segreta degli dei.

Mentre i Tuatha rappresentano una casta di esseri elementali irlandesi, ci sono anche resoconti di loro come conquistatori di carne e sangue dell’Abete Bolg, una delle antiche razze che abitavano l’Irlanda.

Tuatha Dé Danaan si traduce approssimativamente ma in modo inesatto come “popoli / figli della dea Danu”.

Sono spesso indicati semplicemente come Tuatha, Tua o Tuatha Dé, che era anche usato nei primi testi cristiani irlandesi come nome per la diaspora israelita, che, di per sé, è una storia interessante. Danu, poi, è diventato Anu. Il riferimento, se non ovvio, crea un legame interessante tra Israele e le antiche mitologie mesopotamiche.

Nel Lebor Gabála Érenn (traduzione dall’irlandese: Il libro della presa dell’Irlanda), una raccolta sfusa di poesie e narrazioni in prosa, si raccontano le origini mitiche e la storia degli irlandesi dalla creazione del mondo fino al Medioevo. Il Tuatha discese in Irlanda “in nuvole scure” e “sbarcò sulle montagne di Conmaicne Rein nel Connacht, portando un’oscurità sul sole per tre giorni e tre notti”.

In un’altra versione della storia, meno impregnata della foschia della leggenda, i Tuatha erano invasori di carne e sangue, sbarcati da una flotta di navi marittime sulle rive dell’odierna Connemara, in Irlanda.

Come per sigillare la loro risoluzione, hanno bruciato tutte le loro navi, in modo da non potersi in alcun modo ritirarsi.

Si dice che il fumo che sale dai fuochi è la base del mito che racconta il loro arrivo al fumo dal cielo. Dopo una serie di guerre, si dice che i mitici Tuatha de Danann furono sconfitti e successivamente si ritirarono nelle “colline vuote”, diventando noti come il popolo elfico della tradizione celtica.

È interessante notare che il prefisso elfico, “El”, è un derivato dell’antico sumero Elil e dell’ebreo Elohim, essendo entrambi pronomi propri dei nomi degli dei. Esiste una somiglianza sorprendentemente riconoscibile tra il mitologico Tuatha de Danann e i Nephilim, poiché sembrano discendenti etimologici nella trasmissione del pensiero religioso.

Elil ed Ea erano i predecessori linguistici di Elohim e Yahweh (Geova). È anche interessante notare che i Danaan Tuatha sono la base delle persone alte, eleganti e luminose di JRR Tolkien. Tuatha de Danann, Danitas, Tribe de Dan e il loro legame con i Signori del Drago, gli Anunnaki e il Serpente. Sono semplicemente trucchi per la somiglianza di parole o le coincidenze sono troppo grandi per essere ignorate? Vieni a commentare l’articolo nella nostra pagina Facebook SpazioUFO.