trasmettere energia alla superficie terrestre dai satelliti artificiali

Northrop Grumman, uno dei più grandi appaltatori della difesa degli Stati Uniti, ha completato i test a terra di una tecnologia che consentirà di trasmettere energia alla superficie terrestre dai satelliti artificiali. Si tratta di un sistema in cui è possibile guidare il segnale mediante il quale l’energia viene trasmessa a vari ricevitori sulla Terra. In particolare, l’azienda ha testato la capacità di trasmettere energia in radiofrequenza a più antenne dirigendo il raggio. Il test è stato eseguito in una delle camere anecoiche di Northrop Grumman a Baltimora.

L’esperimento ha spianato la strada alla creazione di un prototipo di centrale solare orbitale, che volerà nello spazio nel 2025. Come previsto dai militari, il trasferimento di energia solare dall’orbita terrestre potrebbe fornire elettricità a basi militari remote e risolvere rapidamente il problema dell’energia di approvvigionamento nelle aree in cui si verificano disastri naturali.

Tara Theret di Northrop Grumman: “Per quanto riguarda le tecnologie, siamo molto fiduciosi nel nostro design e lo abbiamo testato. Ora si tratta solo di costruire, testare e integrare il resto dell’hardware in una tempistica impegnativa“.

Un progetto simile è in corso in Cina, i cui ingegneri intendono sviluppare un prototipo entro il 2028. L’UE ha un proprio progetto chiamato Solaris, ma la scadenza per la sua esecuzione non è stata ancora annunciata.