Sonda NASA entra nell'atmosfera del Sole

La sonda Parker della NASA riesce a toccare il Sole per la prima volta nella storia. Lanciata nello spazio nel 2018 per svelare i misteri del Sole, diventa la prima nave a penetrare nella sua atmosfera.

Nuova e importante pietra miliare nella storia della navigazione spaziale. Per la prima volta una navicella spaziale è riuscita a ‘toccare’ il Sole, la grande stella del Sistema Solare. La ‘fortunata’ è stata la sonda Parker della NASA, lanciata nello spazio nel 2018. Tre anni dopo è riuscita a raggiungere l’alta atmosfera del Sole, nota come corona.

Una volta lì, ha prelevato campioni delle particelle e dei campi magnetici. La National Aeronautics and Space Administration (NASA) segna questo evento come il culmine del progetto Parker Solar Probe e un ‘grande passo per la scienza solare’. È stato durante l’ottavo avvicinamento al Sole, nell’aprile di quest’anno 2021.

Volando così vicino al Sole, Parker Solar Probe ora rileva condizioni nello strato dominato magneticamente dell’atmosfera solare – la corona solare – che non siamo mai stati in grado di rilevare prima. Possiamo vedere l’astronave volare attraverso strutture coronali che possono essere osservate durante un’eclissi solare totale.

Un lungo viaggio

La sonda Parker Solar Probe è stata lanciata nello spazio nel 2018. Il suo obiettivo è esplorare i misteri che circondano il Sole, arrivando a viaggiare più vicino di qualsiasi altro veicolo spaziale finora. Il viaggio compiuto risale a decenni fa, quando fu compiuto alla prima ideazione di questo ambizioso progetto che ora si sta concretizzando.

Con esso, si spera di ottenere informazioni vitali sulla stella più vicina alla Terra e sulla sua influenza sull’intero Sistema Solare. A differenza del nostro pianeta, il Sole non ha una superficie solida, ma possiede un’atmosfera surriscaldata, costituita da un materiale ad essa legato dalla gravità e dalle forze magnetiche. Quando il calore e la pressione lo allontanano dal Sole, raggiunge un punto in cui la gravità e i campi magnetici sono troppo deboli per contenerlo.

Superficie di Alfvén

Questo punto è noto come superficie critica di Alfvén ed è quello che segna la fine dell’atmosfera solare e l’inizio del vento solare. Lì, il materiale solare con l’energia per attraversare questo confine diventa il vento, che trascina il campo magnetico del Sole accanto a sé mentre corre attraverso il Sistema Solare verso la Terra. Oltre questa superficie il vento si muove così velocemente che le onde all’interno del vento non possono mai viaggiare abbastanza velocemente per tornare indietro.

Finora non si conosceva il punto esatto in cui si trovasse questa superficie. Secondo immagini remote, era stato stabilito tra 10 e 20 raggi solari dalla superficie del Sole: tra circa 4,3 e 8,6 milioni di miglia. Grazie alla sua traiettoria, la sonda è stata in grado di avvicinarsi al di sotto dei 20 raggi. E il 28 aprile 2021, durante l’ottavo sorvolo del Sole, la sonda Parker aveva le necessarie condizioni particellari e magnetiche a 18,8 raggi solari (circa 8,1 milioni di miglia; 13 milioni di chilometri) sopra la superficie del Sole.

Con ciò sono riusciti, per la prima volta nella storia, ad attraversare la superficie critica dell’Alfvén ed entrare nell’atmosfera solare.

Ci aspettavamo che prima o poi avremmo incontrato la corona per almeno un breve periodo di tempo“, afferma Justin Kasper, professore all’Università del Michigan. “Sono entusiasta di vedere cosa troverà Parker nei prossimi anni mentre attraversa ripetutamente la corona solare“, ha affermato Nicola Fox, direttore della divisione di eliofisica della NASA.

Nel gennaio 2022 avrà luogo un nuovo volo di avvicinamento al Sole. Sono previsti altri 13 passaggi al perielio da qui al 2025 fino a soli 6,9 milioni km.