Ferrari pronta: ecco quando inizia la Formula 1 2020.

Chase Carey, presidente della Formula 1, ha annunciato che il mondiale 2020 inizierà il 5 luglio in Austria dopo che Eric Bouillier ha riferito della cancellazione del Gran Premio di Francia a causa della pandemia di coronavirus.

“Tenendo conto dell’evoluzione della situazione legata al virus, il GP di Francia prende atto delle decisioni annunciate dallo Stato che rendono impossibile la conferma del nostro evento”, ha affermato Bouillier. Il direttore generale della gara inizialmente previsto per il 28 giugno sul circuito di Paul Ricard del Castellet nel sud del paese, ha accennato all’estensione del divieto di organizzare eventi di massa in Francia per prevenire la diffusione del virus.

“Gli occhi del Grand Prix francese sono già focalizzati sull’estate del 2021”, ha aggiunto Bouillier in una nota. Il GP di Francia si è unito così alla lista delle gare che erano state precedentemente sospese o cancellate e che includevano le date in Australia, Bahrein, Vietnam (avrebbe dovuto essere il debutto), Cina, Paesi Bassi, Spagna, Monaco, Azerbaigian e Canada.

La stagione 2020 di F1 inizierà il 5 luglio con il GP d’Austria.

Dopo l’annuncio di Bouillier è arrivata la conferma di Carey, capo di Liberty Media, che la stagione 2020 di F1 inizierà il 5 luglio con il GP d’Austria, che si terrà sul circuito Red Bull Ring di Spielberg. “Inizieremo le gare in Europa a luglio, agosto e all’inizio di settembre, con la prima in Austria nel fine settimana del 3-5 luglio”, ha dichiarato Carey, che ha chiaritoanche che le date si svolgeranno “senza pubblico”.

Chase Carey, presidente della Formula 1, ha annunciato che il mondiale 2020 inizierà il 5 luglio in Austria.

Carey ha aggiunto che “a settembre, ottobre e novembre dovremo correre in Eurasia, Asia e Stati Uniti e finire la stagione nel Golfo a dicembre con il Bahrain prima della tradizionale finale ad Abu Dhabi, con 15-18 gare”. Il capo di Liberty Media, la società americana proprietaria dei diritti di F1, ha sottolineato la sua crescente fiducia in merito ai “progressi dei piani per iniziare la stagione quest’estate”. “Pubblicheremo il nostro programma definitivo il prima possibile.

Le prime gare saranno senza pubblico, ma siamo fiduciosi che i fan faranno parte dei nostri eventi mentre avanziamo nel calendario”, ha dichiarato Carey.

Calendario Formula 1 2020.

“Dobbiamo ancora lavorare su molti problemi, come la procedura per i team e gli altri nostri partner per iniziare a operare in ogni paese”, ha avvertito. Carey ha sottolineato che “la salute e la sicurezza di tutti i soggetti coinvolti continueranno ad essere la priorità e andremo avanti solo se crediamo di disporre di processi affidabili per affrontare sia i rischi che altri possibili problemi”.

La catena britannica BBC ha riferito che l’Austria organizzerà una seconda data il 12 luglio, mentre una settimana dopo sarà la volta del circuito di Silverstone, che offre anche di ospitare due gare, sempre senza pubblico. L’Austria è uno dei primi paesi in Europa ad allentare le misure restrittive relative alla pandemia di coronavirus.

Per quanto riguarda i prossimi passi della categoria, Carey ha aggiunto che “oltre a pensare a come sviluppare la stagione 2020, abbiamo concordato con i team e con la Federazione internazionale degli sport motoristici (FIA) per rafforzare il futuro a lungo termine della F1 attraverso una serie di nuove regole tecniche, sportive e finanziarie”. “L’idea – ha continuato Carey- è di rendere la F1 più sostenibile e cercare di dare a tutti i team maggiori possibilità di essere competitivi”. “Ovviamente tutti i nostri piani potrebbero essere soggetti alle notizie dell’ultimo minuto. Faremo del nostro meglio per offrire ancora una volta le emozioni e lo spettacolo di F1 a tutti i fan”, ha concluso Carey.