Progetto ambizioso: trasformare Ghiaccio lunare in Carburante.

Al di là delle sane competizioni che possono esistere tra gli scienziati del pianeta, quelli che esplorano lo spazio esterno sembrano essere in sintonia. Tutti i progetti al di fuori della nostra atmosfera seguono lo stesso percorso. Di conseguenza, l’agenzia spaziale giapponese (JAXA) ha un progetto ambizioso, in cui la Luna è protagonista. I giapponesi stanno cercando di trasformare il ghiaccio lunare in carburante.

Il successo di un progetto di questa portata avrebbe un impatto diretto sui costi di esecuzione. Il carburante è una delle funzionalità più costose nelle missioni interplanetarie. Ecco perché ci sono altri progetti di agenzie spaziali, che vogliono potenziare le loro navi con altre alternative. Quindi è qui che entra in gioco uno dei più noti: la propulsione a pannelli solari.

Tuttavia, essere in grado di convertire il ghiaccio in combustione liquida manterrebbe la potenza della propulsione. Qualcosa che si perde con l’energia solare. I giapponesi affermano che il ghiaccio lunare genera idrogeno. Questa sostanza potrebbe essere trasformata in carburante e questo è ciò che mirano specificamente.

Missione lunare congiunta JAXA e NASA

I componenti della NASA sono all’ordine del giorno per gli scienziati JAXA.

Tutto ciò che aggiungi è benvenuto nell’agenzia spaziale orientale. Tra i due, infatti, viene promosso il progetto di una nuova stazione spaziale sull’orbita della Luna.

Una volta che questo progetto sarà completato e sarà operativo, inizierà la costruzione di una fabbrica di carburante. Il sito specifico sarebbe al Polo Sud lunare, intorno al 2035.

L’utilizzo del carburante sarebbe destinato alle stesse missioni che vengono svolte all’interno del territorio lunare. Un esempio di ciò sarebbero i veicoli utilizzati per viaggiare sul nostro satellite naturale. La creazione di carburante dall’acqua sulla Luna avviene quando i componenti dell’ossigeno e dell’idrogeno vengono divisi.

Scienziati giapponesi hanno riferito di aver bisogno di decine di tonnellate di acqua lunare per ogni missione che intendono svolgere. Ma allo stesso modo affermano che è molto più economico che portarlo dalla Terra in ogni viaggio che viene effettuato.