ICTUS – La prevenzione nelle abitudini alimentari. L’aumento dell’assunzione di potassio e la riduzione della quantità di sale nella dieta aiutano a ridurre i livelli della pressione del sangue, riducendo anche il rischio di ictus. Lo suggerisce la ricerca pubblicata sul British Medical Journal. Lo studio sugli effetti della assunzione di potassio, realizzato da scienziati del Programma alimentare mondiale delle Nazioni Unite, dell’Imperial College di Londra e della Warwick Medical School, tra gli altri, ha preso in esame più di 128 mila partecipanti sani.

Frutta e verdura ricche di potassio, qualche porzione extra al giorno ha un’azione benefica nella prevenzione del rischio di ictus.

Sale, un pizzico in meno fa aumentare ancor di più i benefici.

Una dieta sana, insomma, mantiene basso il rischio di ictus, con una nota in più sottolineata dalla nuova ricerca: un apporto maggiore di potassio nell’alimentazione non ha effetti negativi sulla funzione renale o sui livelli ormonali.

L’Organizzazione Mondiale della Sanità ha pubblicato le sue prime linee guida sul consumo di potassio, raccomandando agli adulti un consumo di più di 4 g di potassio al giorno. Questo aumento del livello di assunzione di potassio è stato collegato ad una diminuzione del 24% del rischio di ictus negli adulti.

Uno studio separato sul consumo di sale è stato invece condotto da ricercatori dell’Istituto di Medicina Preventiva Wolfson, dell’Università di Londra, ha analizzato i risultati di 34 studi precedenti che coinvolgono più di 3000 persone.

Si è riscontrato che una modesta riduzione dell’assunzione di sale per quattro o più settimane produce riduzioni significative della pressione del sangue, nelle persone con pressione sanguigna alta o normale. Bassi livelli di pressione sanguigna sono noti per ridurre il rischio di ictus e malattie cardiache, la pressione alta è uno dei maggiori fattori di rischio per l’ictus.

L’Organizzazione Mondiale della Sanità raccomanda agli adulti di non consumare più di 5 grammi di sale al giorno (circa un cucchiaino).

In pratica, queste nuove ricerche suggeriscono che ridurre l’apporto di sale nella dieta e mangiare più cibi ricchi di potassio come le banane e gli spinaci può ridurre la pressione sanguigna e mantenere basso il rischio di ictus.