Da quando il primo di questi Segnali Radio Cosmici è stato rilevato nel 2007, i lampi rapidi di onde radio o lampo radio veloce (dall’inglese fast radio burst, FRB) hanno sconcertato la comunità scientifica. Gli FRB sono lampi stranamente luminosi nella banda radio dello spettro elettromagnetico, che di solito si illuminano per pochi millesimi di secondo prima di scomparire senza lasciare traccia. Questi brevi e misteriosi segnali provengono da parti molto diverse e distanti dell’universo, così come dalla nostra galassia. La sua origine è sconosciuta e il suo aspetto imprevedibile.

Un grande radiotelescopio nella Columbia Britannica, in Canada, ha notevolmente aumentato il numero di lampi veloci di onde radio scoperte fino ad oggi. Il telescopio, noto come CHIME, per il Canadian Hydrogen Intensity Mapping Experiment, ha rilevato 535 nuovi FRB durante il suo primo anno di funzionamento, tra il 2018 e il 2019.

Il team scientifico di CHIME Collaboration, tra cui Kaitlyn Shin del Dipartimento di Fisica del Massachusetts Institute of Technology (MIT), a Cambridge, negli Stati Uniti, ha analizzato, verificato e assemblato i nuovi segnali nel primo catalogo di FRB del telescopio.

Il nuovo catalogo amplia in modo significativo l’attuale libreria di FRB noti e sta già fornendo indizi sulle loro proprietà. Ad esempio, gli FRB scoperti di recente sembrano appartenere a due classi distinte: quelli che si ripetono e quelli che non lo fanno. Gli scienziati hanno identificato 18 fonti di FRB che emettono ripetutamente queste esplosioni, mentre le altre sembrano essere uniche. Le caratteristiche delle onde emesse da sorgenti ripetitive sono diverse anche dalle sorgenti non ripetitive, ad esempio nella durata di ogni burst, e anche per il fatto che l’emissione avviene a frequenze radio più concentrate rispetto al caso delle radiofrequenze onde, sorgenti FRB non ripetitive.

Queste osservazioni suggeriscono chiaramente che gli FRB periodici e occasionali provengono da diverse fonti astrofisiche e sono generati da meccanismi diversi. Con ulteriori osservazioni, gli astronomi sperano di riuscire presto a svelare le origini di questi enigmatici segnali.