Nuovo Ordine Mondiale: perchè spiare i cittadini è una priorità.

Spiare i cittadini sta diventando una priorità, dimostrando che l’informazione è potere e che possedere queste informazioni rende più facile la manipolazione. Molti esperti in informatica denunciano da un sacco di tempo queste mega compagnie di Internet che basano la loro attività sull’ottenimento di dati. La prima cosa che dobbiamo sapere è che su Internet nulla è gratuito…

Quando i nostri figli, o noi stessi, scarichiamo un’applicazione o un gioco, che può essere molto utile o molto divertente, vediamo un groviglio di caratteri piccoli che pochissime persone leggono e analizzano. La stragrande maggioranza di noi dà un dito al controllo “accetta condizioni“, senza pensare che con questo gesto stiamo vendendo (o ancora meglio, regalando) la nostra privacy, e anche quella di tutti i nostri contatti sui social network.

Smartphone, la spia dentro casa

Ovviamente, gran parte della popolazione ha notato il monitoraggio continuo dei cookie, con la scusa di offrirci un servizio migliore e lo spionaggio a cui siamo sottoposti. Ci ascoltano persino attraverso gli altoparlanti dei nostri smartphone, anche se crediamo di non essere connessi a Internet.

Una ragazza ha parlato con suo padre dell’acquisto di un’auto, senza aver ancora fatto alcun tipo di ricerca. Poi accende il telefono e vede solo annunci di auto. Questa non è una bufala, è reale, te lo assicuro.

Innocenti e ingenui? Abbiamo creduto che tutto questo spionaggio fosse dovuto a cause commerciali. Voler venderci determinati prodotti per quello che eravamo, fin dall’inizio, predisposti all’acquisto. Ma questo confine è stato attraversato da molto tempo.

Spionaggio istituzionale

Non è più un segreto che i social media sono stati usati per manipolare la percezione dei netizen specificata di alcuni candidati elettorali. Come nel caso di Hillary Clinton negli Stati Uniti con Donald Trump. Usando i nostri dati e usando false notizie, se possono affondare o migliorare le carriere, vincere o perdere elezioni, vincere e perdere reputazione, azioni, vite … Sono in grado di stabilire l’odio o l’amore, tutto con strumenti dei dati che forniamo.

La crisi del coronavirus sta stabilendo un nuovo ordine e fornendo informazioni alla cortina di ferro che non ha mai smesso di cadere. La guerra con i missili ha attraversato una sanguinosa guerra commerciale, che stava prendendo non poche vite lungo la strada. Internet non è più uno strumento globale. Ora gli Stati Uniti hanno i tuoi dati e su Internet, la Cina ha i suoi e la Russia ha sempre un campo con i suoi mezzi. L’Europa, tuttavia, con le proprie infrastrutture, sta diventando il re del gioco, che tutti vogliono intatto, ma vulnerabile per vincere il gioco.

Paura, l’arma migliore

Lo spionaggio che viene effettuato ai cittadini non ha solo un valore commerciale, ma anche morale. Non puoi iniziare una guerra con i missili, lo sanno i grandi sovrani, se premono il pulsante rosso, la prossima guerra sarà con i bastoni. Questo era già previsto ai suoi tempi.

Per non parlare del fatto che la forza lavoro e l’apparato produttivo sono necessari intatti, una ricostruzione non è nell’interesse attuale, è troppo costosa e contaminerebbe troppo il nostro pianeta già danneggiato. La migliore guerra, l’arma migliore, non è altro che la paura. E, inoltre, hanno registrato tutte le nostre paure, perché le abbiamo raccontate noi stessi direttamente al cellulare

La paura può essere generata in modo che gli elettori eleggano determinati candidati.

La paura viene generata per frenare i consumi e fermare le economie di interi paesi. Quindi si genera paura alla propria sopravvivenza.

La paura annulla, paralizza e diminuisce la capacità di ragionamento

La paura è incontrollabile in molte occasioni e non esiste società più manipolabile di quella che ha paura e si riempie di ansiolitici. Questo è il modo di apparire come salvatori di una minaccia che si sono generati, cambiando la visione delle percezioni e vedendo bene ciò che era male prima.

In che modo qualcosa che ci sta aiutando può essere cattivo? Aiutare con una minaccia che loro stessi hanno creato e con la quale ci hanno fatto morire di paura. Il demone che abbiamo alimentato con i nostri dati diventa il nostro buon samaritano, cambiando lo “status quo” e stabilendo una “nuova normalità” che, per di più, sarà vista con buoni occhi.

L’informazione è potere

Il traffico di informazioni è sempre stato una grande fonte di energia. L’uomo d’affari che aveva alcune informazioni “privilegiate” su determinate azioni o movimenti bancari, era coperto. Nell’attuale scenario geopolitico, la privacy e le barriere morali sono state superate per da un bel po’di tempo, e i governi lo sanno. Tutti chiedono maggiori informazioni e grandi aziende in grado di gestire i big data che, applicando algoritmi, danno loro la formula magica per dominare il mondo.

Ma la verità è che non sono esattamente i governi a gestire questi dati. Precedentemente, furono le agenzie di intelligence a spiare i cittadini, cercando di eliminare i dissidenti e di essere gli arcangeli nel prendersi cura dell’ordine stabilito.

Chi è così interessato a generare tanta paura e rovinare interi paesi?

Ma quello scenario è cambiato. Oggi sono queste grandi aziende che gestiscono le informazioni in grado di far cadere i governi e rovinare i paesi. Analizzando queste premesse, chi gestisce davvero i fili del nuovo ordine mondiale?

La verità che porta a pensare la situazione di oggi è che figure come Donald Trump, per fare un esempio, con tutta la sua ostentazione e potere apparente, non sia altro che un burattino di un sistema, che finirà per mangiarlo, se non è già stato mangiato: viene digerito e non è stato nemmeno notato. [Fonte ufo-spain.com]