neurotecnologie intelligenza artificiale

L’Unesco ha avvertito dei pericoli dell’uso incontrollato delle neurotecnologie e dell’intelligenza artificiale durante una conferenza a Parigi. L’organizzazione svilupperà un quadro etico per proteggere i diritti umani e l’integrità mentale degli utenti. La neurotecnologia offre trattamenti per malattie neurologiche e mentali, ma è necessario prestare attenzione ai rischi per l’integrità mentale, la dignità umana e la privacy mentale. L’Unesco ha sottolineato l’importanza di regolamentare l’uso delle neurotecnologie e l’intelligenza artificiale.

Neurotecnologie e intelligenza artificiale: Unesco avverte dei pericoli e svilupperà un quadro etico

L’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’Educazione, la Scienza e la Cultura (Unesco) ha avvertito dei pericoli dell’uso congiunto e incontrollato delle neurotecnologie e dell’intelligenza artificiale (IA) giovedì nella Conferenza Internazionale sull’Etica delle Neurotecnologie, tenutasi a Parigi. Inoltre, ha annunciato che svilupperà un quadro etico per proteggere i diritti umani e l’integrità mentale degli utenti.

L’Unesco precisa che la neurotecnologia, “come una delle tecnologie più promettenti del nostro tempo”, sta fornendo nuovi trattamenti per milioni di persone affette da malattie neurologiche e mentali, oltre a trasformare altri aspetti della vita umana, “dall’apprendimento e dalla cognizione degli studenti ai sistemi di realtà virtuale e aumentata e all’intrattenimento”.

Tuttavia, è necessario essere “vigili sui nuovi sfide che sorgono dallo sviluppo rapido e non regolamentato e dalla diffusione di questa tecnologia innovativa, inclusi, tra gli altri, i rischi per l’integrità mentale, la dignità umana, l’identità personale, l’autonomia, la giustizia, l’equità e la privacy mentale”, ha sottolineato l’organismo.

“Stiamo andando verso un mondo in cui gli algoritmi ci permetteranno di decodificare i processi mentali delle persone e manipolare direttamente i meccanismi cerebrali che sottendono le loro intenzioni, emozioni e decisioni”, ha affermato la vicedirettrice generale per le Scienze Sociali e Umane dell’Unesco, Gabriela Ramos, nel contesto della conferenza. La funzionaria sottolinea il pericolo di un uso incontrollato delle neurotecnologie nella loro convergenza con l’intelligenza artificiale, che è “ampia e potenzialmente dannosa”.

“Cose che sembravano fantascienza, come mappare i pensieri, accedere ai nostri ricordi o controllare dispositivi con la mente, sono vicine a diventare realtà”, ha dichiarato la sottosegretaria per la Scienza, la Tecnologia, la Conoscenza e l’Innovazione del Cile, Carolina Gainza, che era nella lista degli invitati alla conferenza.

D’altra parte, la segretaria di Stato per la Digitalizzazione e l’IA della Spagna, Carme Artigas, ha sostenuto la creazione di un’agenzia sovranazionale per la neurotecnologia, simile a quella esistente per l’energia atomica.

Un mercato molto promettente

La volontà dell’organismo di regolamentare la neurotecnologia e l’IA arriva in un momento chiave per il settore. Dalle poco più di 400 brevetti registrati nel 2010, nel 2020 ne sono stati superati 1500.

Il magnate statunitense Elon Musk, che ha presentato questa settimana la sua ultima azienda di IA, ha ottenuto nel maggio di quest’anno l’autorizzazione dalle autorità statunitensi per condurre con la sua azienda Neuralink studi clinici sugli impianti cerebrali. Un altro esempio è quello della Cina, dove è stata collegata con successo un computer al cervello di una scimmia.