Neuroscienziati scoprono nel cervello le basi neurologiche del pessimismo.

Molte volte siamo stati vittime del pessimismo quando pensavamo che, indipendentemente da ciò che facciamo, non raggiungeremo mai ciò che vogliamo. Ciò è particolarmente rilevante nei pazienti con diagnosi di disturbo psichiatrico, come depressione o ansia.

Quando ci sentiamo pessimisti sperimentiamo un umore negativo, dal quale ci concentriamo sui possibili svantaggi associati a una situazione particolare, ignorando i potenziali benefici.

A questo proposito, un team di scienziati del MIT (Massachusetts Institute of Technology) è riuscito a identificare una struttura del cervello correlata al pessimismo. Eseguendo un esperimento, è stato dimostrato che stimolando il nucleo caudato, i soggetti hanno preso decisioni pessimistiche, concentrandosi sugli svantaggi e lasciando da parte i benefici.

La ricerca è stata condotta da Ann Graybiel, professore presso la suddetta istituzione e membro del McGovern Institute of Brain Research del MIT. In particolare, il suo obiettivo era quello di valutare l’influenza dei pensieri negativi, caratteristica del pessimismo, sul processo decisionale.

Per fare ciò, hanno stimolato con l’elettricità il nucleo caudato di un gruppo di topi, una struttura del cervello che è legata al processo decisionale emotivo, e poi gli è stata offerta una ricompensa, rappresentata da un liquido dolce, associato a uno stimolo avversivo, una corrente di aria diretta ai loro volti.

In ciascuna delle prove, la relazione tra la ricompensa e lo stimolo spiacevole variava, quindi i topi dovevano scegliere se accettare o meno la ricompensa, il che implica un’analisi costi-benefici.

In questo senso, si presume che se la ricompensa è abbastanza appetibile per compensare lo stimolo spiacevole, gli animali lo accetterebbero. D’altra parte, se la ricompensa non è attraente, la rifiuterebbero.

In questo modo, è stato osservato che quando il nucleo caudato dei topi è stato stimolato, l’analisi costi-benefici è stata distorta, poiché i topi hanno cominciato a rifiutare la ricompensa anche se l’avevano accettata prima della stimolazione.

Va notato che questo pessimismo durò anche dopo che la stimolazione cessò, essendo osservata nei giorni successivi.

Tuttavia, dopo un po’, il pessimismo è gradualmente scomparso.

Questi risultati suggeriscono che dopo la stimolazione del nucleo caudato, i topi iniziarono a rifiutare la ricompensa che avevano precedentemente accettato perché si concentrarono maggiormente sullo stimolo spiacevole.

Intorno a questo, i ricercatori spiegano che il nucleo caudato ha connessioni con il sistema limbico, che è responsabile della regolazione delle emozioni, oltre all’invio di informazioni alle aree motorie del cervello e alle strutture che producono dopamina, il neurotrasmettitore associato alle ricompense.

Pertanto, si suggerisce che i cambiamenti di attività osservati nel nucleo del caudato possano alterare l’attività del rilascio di dopamina. Su questo, i ricercatori suggeriscono che i risultati possono essere tradotti in una migliore comprensione del processo da cui la depressione e l’ansia finiscono per essere disturbi paralizzanti, il che potrebbe implicare lo sviluppo di nuove terapie.

Infine, allo stato attuale, Graybiel e il suo team stanno collaborando con gli psichiatri del McLean Hospital per determinare se questo si verifica in pazienti con diagnosi di depressione e ansia.

Al momento, studi di risonanza magnetica hanno mostrato un pattern anormale di attivazione in due regioni della corteccia prefrontale mediale, che si collegano con il nucleo caudato nei gangli della base.