NASA conferma l'esistenza del ghiaccio sulla Luna.

NASA NEWS – Per la prima volta, gli scienziati dell’agenzia spaziale statunitense hanno trovato del ghiaccio sulla superficie del satellite naturale della Terra. La maggior parte del ghiaccio esiste nell’ombra dei crateri vicino ai poli della Luna. A causa dell’inclinazione, la luce solare non raggiunge quella zona. Una notizia molto promettente per il futuro dell’esplorazione spaziale e della colonizzazione della Luna.

Grazie ai dati raccolti dalla missione indiana Chandrayaan-1 tra il 2008 e il 2009, i ricercatori affermano che ora hanno “prove definitive” che l’acqua esiste sotto forma di ghiaccio sulla superficie della Luna. Questi depositi di ghiaccio si trovano nei poli nord e sud del nostro satellite e sono distribuiti in modo frammentato.

Uno strumento chiamato Map of Lunar Mineralogy (M3), ha rilevato le proprietà di riflessione del ghiaccio. M3 è stata anche in grado di misurare in modo distinto come le molecole di ghiaccio assorbono la luce infrarossa.

Le temperature sulla Luna possono raggiungere i 100°C durante il giorno, il che non offre le migliori condizioni affinché il ghiaccio rimanga sulla superficie.

Ma poiché la Luna è inclinata sul suo asse di circa 1,5 gradi, ci sono dei punti ai poli lunari che non vedono mai la luce del giorno.

Gli scienziati stimano che le temperature nei crateri lunari che sono permanentemente al buio, non salgono a più di -157ºC. Ciò creerebbe un ambiente in cui i depositi di ghiaccio d’acqua potrebbero rimanere stabili per lunghi periodi.

Cosa significa questa scoperta per il futuro della Luna.

Questa scoperta supporta i risultati di alcune osservazioni indirette che in precedenza avevano suggerito la presenza di ghiaccio superficiale al polo sud della Luna. Questi risultati, tuttavia, potrebbero essere spiegati da altri fenomeni, come il terreno lunare insolitamente riflettente.

Secondo gli autori di questa importante scoperta, se c’è abbastanza ghiaccio entro i primi pochi millimetri della superficie lunare, quest’acqua potrebbe essere usata come risorsa per future missioni con equipaggio sulla Luna.

Il ghiaccio superficiale è stato trovato anche in altri corpi del Sistema Solare, come il polo nord del pianeta Mercurio e il pianeta nano Cerere.