Misterioso segnale FRB registrato da uno Spazio vicino alla Terra.

Da alcuni anni, gli astronomi hanno rilevato segnali radio molto veloci chiamati FRB per il loro acronimo in inglese (Fast Radio Bursts = raffiche radio veloci). Di solito, le fonti di queste violente raffiche si trovano abbastanza lontano nello Spazio. Tuttavia, una nuova ricerca pubblicata su Nature ha rilevato un segnale proveniente da una posizione insolitamente vicina alla Terra. FRB sono esplosioni di onde radio che durano solo pochi millisecondi, ma possono contenere tutta l’energia che il nostro sole emette da decenni. Tuttavia, sebbene siano state rilevate più di 50 dal 2007, non sappiamo ancora cosa o chi li sta causando esattamente. La maggior parte delle esplosioni rilevate si trova a miliardi di anni luce di distanza, il che ha reso difficile studiarle. Ma Ryan Shannon della Swinburne University of Technology in Australia e i suoi colleghi hanno recentemente rilevato un segnale radio chiamato FRB 171020 che si è verificato in un luogo insolitamente vicino al nostro.

Shannon e il suo team hanno scoperto FRB 171020 utilizzando il telescopio Australian Square Kilometre Array Pathfinder ubicato nell’Australia occidentale e sono stati in grado di cogliere, per le sue caratteristiche, che ha avuto origine solo a poche centinaia di milioni di anni luce.

Molto probabilmente proviene da una galassia chiamata ESO 601-G036 situata a 120 milioni di anni luce dalla Terra. La galassia ha una dimensione, velocità di formazione stellare e abbondanza di ossigeno simile all’unica altra galassia in cui un FRB è stato accuratamente identificato, situata a 2,4 miliardi di anni luce nella costellazione dell’Auriga. Ma, ESO 601-G036 non emette lo stesso flusso continuo di emissioni radio di basso livello della galassia Auriga, che contraddice i precedenti suggerimenti secondo cui FRB può essere formato solo in galassie con queste emissioni di fondo. Ecco perché Elizabeth Mahony dell’Australian National Science Institute, CSIRO, e i suoi colleghi stanno ora concentrando i loro telescopi sulla vicina galassia per confermare che possa effettivamente produrre FRB. Se ne scoprono un altro, possono identificare esattamente da quale parte della galassia proviene. “Allora potremmo essere in grado di risolvere il mistero delle cause di queste rapide esplosioni radio”, dice il ricercatore.

Fino ad ora, la poca ripetitività del FRB ha ostacolato il suo studio. Per questo motivo, poco o nulla è noto delle sue origini. Tuttavia, la ricerca non si ferma. L’anno scorso, alcuni sono stati rilevati che provenivano da altre galassie. Anche 15 mesi fa sono state rilevate anche queste nuove raffiche, che hanno ulteriormente ingrandito il mistero.