Materia Oscura ha formato Buchi Neri Supermassicci alle origini dell'Universo

La formazione di buchi neri supermassicci nell’universo primordiale è stato un argomento che ha sconcertato la scienza per diversi decenni. Tuttavia, una nuova ricerca condotta da scienziati dell’Università di Riverside (USA) ha gettato nuova luce sull’argomento, suggerendo che questi potrebbero essere causati dal collasso degli aloni di materia oscura.

Le osservazioni astrofisiche effettuate negli ultimi anni hanno rilevato la presenza di buchi neri con milioni, e addirittura miliardi, di masse solari poiché l’universo aveva solo il 6% della sua età attuale, stimata in 13,7 miliardi di anni. Il fatto che si siano formati in periodi così precoci, spiega Hai-Bo Yu, coautore dello studio, ‘”rompe con le aspettative generali” sul comportamento di un “seme di buco nero e sul suo tasso di crescita”.

In questo senso, la nuova ricerca, pubblicata su The Astrophysical Journal Letters, suggerisce che la formazione di questi fenomeni supermassicci nell’universo primordiale sia stata causata dal collasso di aloni di materia oscura, che costituisce l’85% della materia esistente.

Yi-Ming Zhong, coautore della ricerca:

“Ci vuole tempo perché i buchi neri crescano in massa accrescendo la materia circostante […] Il nostro lavoro mostra che se la materia oscura ha delle autointerazioni, il collasso graviotermico di un alone può dare origine a un buco nero seme abbastanza massiccio per raggiungere tale dimensioni in così poco tempo”.

Nonostante i risultati promettenti, il team ha notato che sono necessarie ulteriori ricerche per trovare nuove prove per confermare o confutare la loro proposta.